WRC 10 – Recensione

da | 26/03/22 10:00

Su Nintendo Switch sbarca come ogni anno il rally grazie al gioco ufficiale WRC 10. Avrà superato il test su Nintendo Switch?

Per il debutto della serie WRC su Nintendo Switch bisogna tornare indietro di tre anni, nel 2019, anno in cui sull’ibrida di Kyoto uscì WRC 8. Purtroppo non fu un debutto felicissimo per la serie, che si portò dietro svariati problemi di performance. Anche il suo successore non fu acclamato positivamente, nonostante gli sforzi fatti. 

Quest’anno è il momento di WRC 10, sviluppato da KT Racing, pubblicato poi da Nacon. Quello proposto è un titolo di simulazione sportiva dell’affascinante mondo del Rally. Un genere che per tanti motivi richiede un’approccio particolare e tanta pazienza, senza aspettarsi né di avere davanti un titolo arcade né di diventare piloti professionisti. Nel rally in generale e soprattutto in WRC 10 la precisione è tutto; le vostre abilità dovranno rasentare la perfezione, altrimenti il gioco mostrerà senza pietà il suo lato più punitivo. 

La curva di difficoltà è orientata verso l’alto; i percorsi sono molto lunghi e la manovrabilità soprattutto all’inizio sarà incerta. Tutto questo farà nascere in voi un po’ di frustrazione, ma se siete amanti dei motori e smanettoni, vi basterà andare tra le opzioni e modificare l’assetto. Potreste anche, eventualmente, attivare il controllo della trazione così da facilitare di più le manovre in curva. 

Ecco, una volta che avrete cominciato a padroneggiare le abilità o a segnare tempi importanti sarà il momento in cui il titolo vi darà maggiori soddisfazioni. Insomma, si potrebbe dire che la famosa frase “No pain, no gain” calzi a pennello in questa situazione. 

Varie modalità di gioco

Il titolo di KT Racing vi metterà davanti ad alcune modalità di gioco in singolo. Potrete infatti scegliere di intraprendere una Carriera, fare una partita rapida senza troppi fronzoli oppure vivere una stagione intera. L’altra modalità riguarda la sezione “Sfide” nella quale potrete cimentarvi a raffinare le abilità, allenarvi nell’area test ed esercitazioni su pista chiusa. Nella modalità 50° anniversario potrete rivivere i momenti salienti degli ultimi cinquant’anni del WRC.

Merita attenzione la Carriera, in cui sarete i veri protagonisti di ogni cosa! Potrete infatti lavorare sulla messa a punto nella sezione “Configura“, in cui vi sarà dato modo di aggiustare i valori di sospensioni, differenziale, freni e trasmissione. In “Calendario” invece avrete una visuale generica su tutti gli impegni che vi verranno proposti. Molto interessante risulta essere la sezione “R&S” in cui gestirete le vostre abilità e quelle del team, andando a migliorare le caratteristiche di reclutamento, prestazioni e affidabilità spendendo punti abilità che guadagnerete salendo di livello. 

I reclutamenti, le vittorie degli eventi andranno ad influire sui crediti che guadagnate, spendibili poi all’interno del gioco per apportare modifiche a livello societario. I membri della vostra squadra saranno veramente assunti con un contratto, il cui stipendio varia a seconda delle loro abilità. Inoltre le loro condizioni fisiche andranno ad influire sulle loro prestazioni e sul morale. Tenete sempre d’occhio anche la casella Email, potreste ricevere messaggi importanti dal meccanico, dall’agente o dal fisioterapista.

Altre voci che meritano attenzione sono quella delle Classifiche costruttori e piloti e quella delle Statistiche, nella quale potrete verificare la reputazione e i risultati ottenuti nei vari rally.

Tanta carne al fuoco ma…

La proposta di Nacon è ricca di buoni spunti e contenuti, ma andando ad analizzare il lato tecnico si ottengono risultati abbastanza altalenanti. Pur presentando ottime idee e qualche passo in avanti, WRC 10 non riesce a toccare livelli di eccellenza come altri titoli del suo genere. Giocare in modalità TV è assai comodo, le scritte sono leggibili ma il frame rate è ballerino, per non parlare poi della qualità delle texture. In modalità portatile invece si comporta molto meglio a discapito però delle scritte che risultano essere davvero troppo piccole. Azzardando un paragone sembrerebbe quasi che a livello di dettagli sia più debole rispetto al suo predecessore, come per giustificare prestazioni migliori che però alla fine non sono ottimali come ci si aspettava.

Fortuna che a correre ai ripari c’è il comparto sonoro, su cui non abbiamo nulla da dire, e la quantità di materiale a disposizione per divertirsi. Difatti sono ben 142 le piste sparse su un totale di tredici paesi sulle quali potrete dare sfoggio delle vostre abilità di piloti. Apprezzabile il tentativo di allargare l’esperienza, non altrettanto il risultato tecnico che è davvero deludente sull’ibrida Nintendo. Per non parlare poi dei tempi di caricamento troppo, troppo lunghi.

Conclusione

WRC 10 è un gioco riuscito a metà come avrete ben potuto intuire. Si poteva e doveva dare di più ad un titolo simile, anche perché nonostante il contenuto sia ricco e prelibato, si ha la costante sensazione di trovarsi davanti ad un opera incompiuta. Provando a spezzare una lancia a suo favore, possiamo dire che, una volta abituato al suo gameplay, il gioco potrebbe regalarvi momenti di esaltazione e soddisfazione. Ma ci vuole una pazienza da monaco tibetano per padroneggiare queste vetture indiavolate. Alla fin fine, se riuscirete a soprassedere agli evidenti limiti tecnici, potrebbe pure essere piacevole, il materiale non manca affatto.

PRO:

  • Tanti contenuti e Modalità di gioco
  • L’idea del 50° Anniversario è una chicca
  • Gameplay difficile ma appagante

CONTRO:

  • Evidenti limiti tecnici
  • Caricamenti troppo lunghi

Articoli Correlati

Xenoblade Chronicles 3 – Recensione

Xenoblade Chronicles 3 – Recensione

Il terzo capitolo di Xenoblade finalmente sbarca su Nintendo Switch con una nuova imperdibile avventura. Ecco a voi la nostra recensione. Nel corso...