Xenoblade Chronicles 3 – Recensione

da | 12/08/22 10:27

Il terzo capitolo di Xenoblade finalmente sbarca su Nintendo Switch con una nuova imperdibile avventura. Ecco a voi la nostra recensione.

Nel corso degli ultimi anni molte software house hanno migliorato notevolmente il loro lato produttivo, compiendo enormi passi in avanti nell’ambito dello sviluppo di titoli che sappiano coinvolgere ed emozionare i videogiocatori. Come ben saprete il mondo sta attraverso un periodo complesso, con alle spalle una pandemia non ancora superata completamente, e negli ultimi mesi la guerra in Ucraina ha mischiato le carte in tavola rivoluzionando anche il mondo videoludico.

Nintendo dal canto suo, sebbene all’inizio la situazione l’abbia toccata spostando il rilascio di alcuni titoli, continua imperterrita a pubblicare progetti di inestimabile qualità anche per quest’anno. Infatti il 2022 si sta dimostrando un anno all’altezza della situazione, grazie ad una line up di titoli imperdibili che potrete giocare solo su Nintendo Switch. Ma questo non è tutto, nei prossimi mesi arriveranno produzioni del calibro di Splatoon 3, Bayonetta 3, Pokémon Scarlatto e Violetto, senza dimenticare il parco giochi terze parti che accoglierà finalmente il tanto acclamato NieR Automata e Persona 5 Royal.

In questo caso stiamo per recensire niente meno che Xenoblade Chronicles 3, il nuovo capitolo di questo leggendario franchise sviluppato da Monolith Soft, celebre software house che anno dopo anno continua a illuminare la scena videoludica. Xenoblade Chronicles 3 è disponibile sia in edizione fisica che digitale dal 29 luglio 2022 in esclusiva solo su Nintendo Switch. Vi ricordiamo che Xenoblade Chronicles 3 Collector’s Edition include una confezione illustrata da Masatsugu Saito, un artbook a colori di più di 250 pagine e una custodia in acciaio per la scheda di gioco. Questa edizione limitata sarà disponibile esclusivamente nel My Nintendo Store.

Un viaggio indimenticabile

In questa fantastica avventura verrete catapultati nel misterioso mondo di Aionios, dove due nazioni rivali, il Keves e L’Agnus, sono dilaniate da una guerra senza fine. Un incipit narrativo forte, che tratta tematiche come la guerra che al giorno d’oggi fanno di sicuro uno strano effetto. Il Keves è una nazione dove alla base è sviluppata una tecnologia prettamente meccanica. Infatti i suoi eserciti schierano niente meno che sul campo di battaglia pattuglie mobili pilotate direttamente dai soldati. Per quanto concerne l’Agnus invece, la sua nazione sfoggia una tecnologia magica, in grado di sfruttare la sua forza nell’etere.

Come potrete constatare dai primi istanti di questo nuovo capitolo di Xenoblade nessuno conosce il significato di diventare anziani. Questo perché i soldati che scendono sul campo di battaglia sono nient’altro che semplici ragazzi, strappati dalla loro vita e creati in maniera artificiale, con un ciclo vitale che si esaurisce in soli dieci anni. Il loro principale ed unico scopo è quello di portare a termine ogni missione che gli viene affidata, in una spirale di morte interminabile. Un mondo terribile, un ciclo senza fine. In questo contesto farete la conoscenza di tre soldati della fazione di Keves che sono: Noah, Lanz e l’energica Yunie. Alcuni istanti più tardi, conoscerete anche i tre di Agnus ovvero la dolce Miyo, Taion e Sena.

Non entrando ulteriormente nella linea narrativa per non cadere in inutili spoiler e rovinarvi l’effetto sorpresa, sappiate che le loro motivazioni prima coincidevano nel mettere fine alle vite gli uni degli altri, ma dopo un evento, a dir poco spettacolare, nulla da quel momento sarà come prima. Infatti i due gruppi decideranno dopo alcuni eventi di unire le forze e cercare in tutti i modi di scoperchiare i segreti di questo mondo, cercando di porre fine a questo ciclo infinito di guerre e morte. Sarà un lungo viaggio, intriso di sani valori, dove in molte circostanza vi troverete a fare i conti con rivelazioni sorprenderti. Conoscerete personaggi caratterizzati in maniera sublime, dimostrazione del fatto come Tetsuya Takahashi e il suo team abbia lavorato minuziosamente in ogni singolo particolare, riuscendo a confezionare un’esperienza a parer nostro imperdibile.

Tante novità implementate in questo nuovo capitolo della serie

Passando all’analisi del sistema di combattimento presente in Xenoblade Chronicles 3, dobbiamo sottolineare come gli sviluppatori abbiamo smussato alcune peculiarità presenti nei capitoli precedenti. Una delle grandi novità della serie è senz’altro la presenza dell’intero party disponibile poche ore dopo l’inizio della vostra avventura. Il combat system mantiene la sua originalità anche in questa esperienza, gli attacchi standard infatti vengono eseguiti in maniera del tutto autonoma dai vostri protagonisti. Il nostro obbiettivo principale nei combattimenti, oltre che acquisire punti esperienza, è quello di riuscire con strategia e tecnica di portare manualmente i nostri protagonisti alle spalle dei nemici o in punti nevralgici per compiere attacchi devastanti, sfruttando al meglio le nostre tecniche. Sarà fondamentale prestare molta attenzione, visto che le nostre tecniche si ricaricano col passare del tempo, quindi calcolate bene ogni vostra mossa perché incontrerete nemici temibili.

Il party della squadra di Noah può vantare un numero considerevole di membri, sei in totale, che arriverà a sette dopo che si incontreranno altri personaggi nel corso dell’avventura. Tra le novità implementate sottolineiamo la presenza delle classi, che portano con sé una ventata di aria fresca a tutto l’impianto. Tale introduzione vi permetterà di personalizzare a piacimento la vostra squadra, sfruttando al meglio tutti i punti di forza, ma tenendo sempre in considerazione anche i lati deboli di determinate classi. Una volta padroneggiato un “mestiere”, la tecnica di combattimento passiva diventa “magistrale”, e da quel momento potrà essere utilizzata indipendentemente dal job impostato. Il tutto va segnalato in una suddivisione in Attaccanti, Guaritori e infine Difensori. Il vostro party sarà composto dai seguenti personaggi:

  • Noah: combatte nell’esercito del Keves, impugnando una scintillante spada rossa. È anche un “tramandante”, incaricato di piangere i soldati che hanno perso la vita sul campo di battaglia. Essere “tramandante” risulterà molto importante in un secondo momento nel corso della vostra avventura.
  • Miyo: è un soldato Agnus, che in battaglia sfrutta la sua rapidità per schivare facilmente gli attacchi mentre infligge danni con le sue armi a forma di anello. Come Noah, anche lei è una “tramandante”.
  • Lanz: amico d’infanzia di Noah, combatte insieme a lui nelle fila dell’esercito del Keves. La sua forza gli permette di brandire una grande spada in grado di agire anche da scudo, perfetta per proteggere gli alleati!
  • Yunie: questa energica giovane è un soldato di Keves che combatte insieme ai suoi amici d’infanzia Noah e Lanz. È equipaggiata con un’arma simile a un bastone, chiamata Sparomazza, e specializzata nel curare gli alleati in battaglia. Dalla testa le spuntano delle ali.
  • Taion: questo soldato Agnus combatte con armi che sembrano essere fatte di carta. Sul campo di battaglia sfrutta la sua intelligenza e la sua perspicacia per aiutare i suoi alleati, Miyo e Sena.
  • Sena: nonostante la sua minuta statura, nasconde un’immensa forza fisica che le permette di usare un martello gigante in battaglia. Il suo hobby preferito è allenare i muscoli.

Come precedentemente detto, il gruppo principale sarà composto da sei membri che diventeranno sette in un secondo momento. Questo settimo membro è chiamato “Eroe”, ossia un guerriero che verrà reclutato dopo aver completato la sua linea narrativa. Gli eroi vanno cercati in giro per le colonie sparse nel mondo di Aionios. Questi Eroi hanno anche classi uniche, come “Comandante guardiano”, “Incursore” e “Medico di guerra”, che gli altri membri della squadra possono assumere una volta che l’Eroe si è aggiunto a loro. Man mano che si reclutano Eroi, si accrescerà la combinazione di classi e Tecniche speciali messe a disposizione, oltre ad una nuova serie di opzioni strategiche. Un’implementazione che ricorda per certi versi i Gladius in Xenoblade Chronicles 2, ma in questo caso tutto il sistema è stato confezionato in maniera eccelsa.

Una delle feature più di impatto incluse in questo capitolo è senz’altro la possibilità di entrare in “Sintonia” e trasformarsi nei temibili Uroboros. Questa speciale trasformazione conferisce al giocatore una serie di potenti mosse, che si potranno ulteriormente ampliare grazie all’albero delle abilità apposito. Infine anche in questo capitolo vengono rintrodotti gli “Assalti di Gruppo”, che saranno attivabili dopo aver riempito una apposita barra. I membri del team, in questo caso potranno eseguire a turno una serie di tecniche impostate, e soddisfacendo determinati requisiti il giocatore potrà godere di un bonus devastante che risulterà fondamentale per avere la meglio contro il nemico. Xenoblade Chronicles 3 si dimostra anche in questo caso tutto il suo potenziale, con tante novità tutte da scoprire.

Un mondo di gioco vivo e pieno di segreti da scovare

Una delle parti fondamentali di Xenoblade Chronicles 3 è senz’altro l’esplorazione. Il mondo, Aionios è vastissimo, ricco di scenari mozzafiato che lasceranno senza parole. I luoghi che visiterete nel corso della vostra avventura verranno salvati come punti di riferimento, nei quali sarà possibile utilizzare il viaggio rapido. Le ambientazioni sono di vario genere, e lungo il vostro tragitto dovrete far attenzione a non imbattervi in nemici troppo forti. Durante l’avventura potrete incontrare anche le carcasse di soldati caduti in battaglia, e Noah che è un “tramandante” potrà trapassarli. Tramandando le carcasse aumenterete la vostra intesa con le loro colonie d’origine.

I punti di riposo invece sono disponibili nelle colonie, e in vari altri luoghi. In questi “luoghi” di relax si potrà scoprire di più sulla vita di Noah e dei suoi amici. Inoltre, alcuni punti di riposo sono mense dove puoi ordinare del cibo. In tal modo aiuterai Manana a inventare nuove ricette con nuovi effetti di stato. Ma non finisci qui, sempre in questi luoghi avrete modo pure di creare gemme, le quali forniscono un vantaggio di varia natura quando vengono equipaggiate. Sempre durante le vostre attraversate potrete imbattervi nei container di rifornimento, paracadutati dai comandi dei due eserciti presso i castelli, e forniscono oggetti preziosi e esclusivi.

Sono riconoscibili dal fumo rosso, quindi fate molta attenzione. In Xenoblade Chronicles 3 ci sono anche le missioni secondarie, che rispetto al passato sono fatte decisamente meglio, e invogliano non poco il giocatore a completarle tutte. Quando libererete le colonie distruggendo la cronofiamma, ad esempio gli abitanti di quel luogo diventeranno liberi di agire, e in un secondo momento potrete ottenere interessanti nuove informazioni. Prestate però sempre un occhio di riguardo verso il livello di allerta, infatti, quando libererete una colonia aumenterà il livello di allerta della sua nazione. Queste sono solo alcune delle novità presenti in Xenoblade Chronicles 3, tanti contenuti che ampliano insieme alla storia principale la longevità di questo imperdibile capitolo.

Un comparto tecnico che mostra segnali in avanti

Il team di sviluppo in fase di progettazione di Xenoblade Chronicles 3 ha voluto confezionare un progetto visivamente di ottimo livello. Sulla console ibrida nipponica, questo terzo capitolo mostra tutte le qualità che possiede, con una realizzazione degli scenari davvero soddisfacente. I passi in avanti si notato anche nei molti filmati presenti in gioco, con una cura a dir poco maniacale. Ogni tassello è collocato nella giusta posizione, dimostrazione del fatto come il team abbiamo notevolmente migliorato alcune sbavature presenti nei precedenti capitoli. In fase di recensione, il titolo si è dimostrato molto reattivo, con tempi di caricamento in linea con le aspettative, e durante le nostre epiche attraversate in questo magico mondo di gioco non abbiamo constatato nessun tipo di bug.

Sia il Nintendo Switch Pro Controller, che i Joy-Con sono mappati perfettamente, e sono in grado di regalare al giocatore la migliore esperienza possibile. Il comparto sonoro anche in questo capitolo è di notevole fattura, con una colonna sonora che vi farà venire in brividi ogni volta che l’ascolterete. Infine, il gioco vanta la possibilità di selezionare il doppiaggio in inglese o giapponese, con naturalmente la presenza dei sottotitoli in lingua italiana.

Noah e il suo intrepido gruppo vi aspetta in questa imperdibile avventura

Xenoblade Chronicles 3 è un’opera da non perdere assolutamente. Monolith Soft è riuscita a realizzare un capitolo degno di essere ricordati negli anni, con un cast di personaggi caratterizzato in maniera sublime. Il passo in avanti si nota già dalle prime ore di gioco, e il nostro consiglio è di lasciarvi rapire da questo imperdibile capolavoro.

Xenoblade Chronicles 3 è disponibile dal 29 luglio 2022 sia in versione fisica che digitale scaricabile dal Nintendo Switch eShop al prezzo di € 59,99 per 14129,00 MB di spazio complessivi. Il gioco è localizzato in Tedesco, Inglese, Spagnolo, Francese, Italiano, Giapponese, Coreano, Cinese ed è compatibile con il cloud dei dati di salvataggio e Nintendo Switch Pro Controller.

PRO

  • Un capitolo imperdibile
  • Una storia emozionante e realizzata magnificamente
  • Tanti contenuti che ampliano la longevità del titolo

CONTRO

  • Un titolo non adatto a tutti i tipi di giocatori

Info Utili:

Articoli Correlati

XIII – Recensione

XIII – Recensione

Il nostro agente speciale accusato di aver ucciso il presidente torna in questo rinnovato remake di XIII, ecco a voi la nostra recensione. Ritorna...

The DioField Chronicle – Recensione

The DioField Chronicle – Recensione

Un'altra grandissima produzione sbarca su Nintendo Switch: ecco a voi The DioField Chronicle, un'avventura imperdibile. Il 2022 di Nintendo continua...