The Banner Saga 3 – Recensione

Il giorno tanto atteso è arrivato: The Banner Saga 3 andrà a concludere le vicende di Vichinghi, Varl e Valka iniziate a maggio per i giocatori Nintendo Switch.

E’ difficile recensire il terzo capitolo di una trilogia perché consapevoli di evitare gli spoiler narrativi siamo quasi costretti a rimarcare quanto già di buono abbiamo detto nelle recensioni dei capitoli precedenti, anche a causa delle pochissime novità che il terzo titolo conclusivo offre. Quindi, è bene considerare l’intera saga un unico titolo di gioco.

The Banner Saga 3 va a concludere nel migliore dei modi un’avventura iniziata a maggio per i giocatori Nintendo Switch offrendo quanta più oscurità possibile in mostra sin da subito da una narrazione cupa e dai personaggi principali di gioco (di cui abbiamo visto uno sviluppo assai interessante) ormai allo stremo delle forze. The Banner Saga 3 sarà un sofferto e continuo viaggio per un finale di saga liberatorio per i personaggi e per il giocatore stesso. Caricate la vostra campagna precedente (usando i salvataggi di The Banner Saga 2) e preparatevi allo sfinimento.

Clicca per ingrandire!

Questa mitica trilogia offre un’accuratezza artistica e narrativa sublime: i ragazzi di Stoic hanno preso tutta la bontà di Bioware (Baldurs Gate, MDK2, Neverwinter Night, Star Wars KOTOR, Mass Effect, Dragon Age, insomma non proprio giochini..) e l’hanno portata con loro fondando un team di sviluppo texano composto da un cast tecnico di prim’ordine affiancata sempre dal publisher Versus Evil, gli stessi di Pillars of Eternity II - Deadfire (anche questo in arrivo su Nintendo Switch). Difficile trovare qualcosa di meglio e difficile considerare l’intera trilogia ancora come un videogioco indie.

Il gameplay offerto è di quelli importanti, accostato ad una narrazione non lineare basata sulla scoperta punta, la maggior parte delle volte, a far muovere quel fantastico meccanismo andato ormai perduto nei ragazzi/videogiocatori di oggi: immaginare e fantasticare con la propria mente. La splendida colonna sonora composta da Austin Wintory aiuterà molto il giocatore a immaginare cosa sta accadendo al vostro team norreno durante la narrazione da Librogame puro. Tutto questo mix è raro (per un indie) e davvero molto bello.

Clicca per ingrandire!

I combattimenti offerti da The Banner Saga sono quelli di un classico gioco di ruolo a turni strategico ma con diverse intuizioni già diventate il fiore all’occhiello dell’intera saga come i Titoli Eroici, la Fama che acquisirà ogni combattente eliminando un nemico, i Punti Volontà che potranno salvare un Vichingo dalla morte o “potenziarlo”, scegliere se attaccare l’armatura o la forza del nemico e così via. Forse avremmo voluto qualcosa di più epico, di più Vichingo, dalla modalità Saccheggio (quando sul campo di battaglia resta in vita un solo nemico): magari aggiungendo una strategia di uccisione attivabile muovendo tutti i restanti membri del vostro gruppo… ma va bene così.

In The Banner Saga 3 saranno presenti anche i combattimenti a ondate in cui dopo aver sconfitto la prima ondata di nemici potrete scegliere se continuare la battaglia sostituendo i caduti in battaglia chiamando i rinforzi (così ha senso avere tanti membri in squadra) e magari trovare oggetti rari nelle successive ondate oppure alzare bandiera bianca e terminare la battaglia normalmente.

Clicca per ingrandire!

Parlando di arte, The Banner Saga Trilogy lo è in tutto e per tutto: l’intero mondo di gioco è stato creato completamente a mano dagli artisti di Stoic. Ogni scorcio di paesaggio è un dipinto (per non parlare della realizzazione artistica e caratteriale dei personaggi), ogni sequenza è realizzata a mano e successivamente animata in 2D come se fosse un cartone Disney degli anni 60/70 con ambientazione norrena il tutto accompagnato da una colonna sonora, e da uno score di fondo, assolutamente perfetta e azzeccata, orchestrata da Austin Wintory, nominato e vincitore ai Video Game Awards e ai British Academy Games Awards.

E’ un pregio aver provato in anteprima l’intera trilogia su Nintendo Switch, versione di gioco che può essere tranquillamente considerata la più interessante e completa di quelle attualmente in circolazione per il semplice fatto che in modalità portatile The Banner Saga Trilogy è interamente giocabile con controlli tattili sfruttando in maniera perfetta il touch-screen della console anche con la feature del multi-touch! Sfortunatamente non è compatibile con l’HD Rumble (che nel terzo capitolo avrebbe potuto rilasciare quel feedback Made-in-Nintendo in parecchie occasioni clou) ma, visto il grande lavoro svolto dal team di sviluppo nell’adattare completamente la giocabilità al touch-screen, possiamo anche chiudere un occhio.

Clicca per ingrandire!

Peccato per alcuni mini cali di frame (e cali di maggiore importanza in mappe assai caotiche e con presenze elementali in The Banner Saga 3) che si fanno notare dal primo all’ultimo titolo della saga. Infine, abbiamo riscontrato in The Banner Saga 3 alcuni piccoli errori di traduzione e nel posizionamento di icone a altro, ma ci hanno assicurato che saranno subito risolti con una piccolissima patch DayOne (che includerà anche un aggiornamento dell’intero motore di gioco della saga) quindi tutti voi non dovreste riscontrare niente di tutto ciò. Qualitativamente parlando Stoic rilascerà per tutti voi il miglior gioco possibile.

The Banner Saga Trilogy offre un inizio di saga entusiasmante fino ad arrivare ad una conclusione cupa e oscura passando naturalmente per un secondo capitolo che ben lega questa fantastica trilogia. Siamo consapevoli che terminato The Banner Saga 3 saluteremo una volta per tutte Vichinghi, Varl, Valka e quant’altro ma i nostri sentimenti contrastanti porteranno ad una nuova guerra nei nostri cuori che potrà terminare soltanto con l’arrivo del nuovo titolo di questa promettente software house, basterà anche soltanto l’annuncio.

Trilogia consigliata a tutti!

Ringraziamo nuovamente l’intero team di Stoic e Versus Evil.

Clicca per ingrandire!

The Banner Saga 3 è disponibile da oggi, 26 luglio 2018, in digitale sul Nintendo Switch eShop al prezzo di €24.99 (attualmente in sconto del 40% per tutti i possessori di almeno uno dei due titoli precedenti) per 5.4 GB di spazio libero su console o microSD. E’ attesa in questi giorni anche una versione fisica chiamata proprio The Banner Saga Trilogy che includerà i primi due giochi su cartuccia e il terzo su codice download.

L’intera trilogia è compatibile con il Pro Controller con il touch-screen e ben localizzata in lingua italiana (sottotitoli).

  • Artisticamente straripante
  • Intreccio narrativo
  • Colonna sonora
  • Gameplay e giocabilità
  • Funzioni touch-screen complete
  • Possibilità di importare i salvataggi degli altri capitoli precedenti

  • Poche novità rispetto ai capitoli precedenti
  • Ancora niente HD Rumble
  • I micro-cali di frame sono ancora presenti...
  • ...più alcuni cali di frame-rate intensi

Clicca per ingrandire!

Clicca per ingrandire!

Link utili:

Lascia un commento

Nessun commento ancora

Lascia un commento