La particolare avventura in salsa estiva Summer in Mara arriva finalmente su Nintendo Switch. Riuscirà a convincerci? Scopriamolo insieme.

Nel corso degli ultimi anni, i giochi con approccio principalmente gestionale sono diventati sempre più importanti nel mercato videoludico. lo stile spazia in ogni genere ma la natura principale rimane sempre la stessa, far divertire e allo stesso tempo rilassare il videogiocatore che si avvicina a questo mondo, anche per la prima volta.

Un gioco che ti fa vivere un esperienza a dir poco rivoluzionaria, come se fosse parte attiva di una comunità, è senz’altro Stardew Valley, sviluppato da ConcernedApe, il quale, grazie a questo progetto, riusci’ a riscuotere un successo a dir poco straordinario su vasta scala.

Un altro esempio di titolo che abbraccia questo genere è Animal Crossing: New Horizons, che mese dopo mese riesce a consolidarsi sempre di più come successo globale del 2020, con vendite che superano ogni più rosea aspettativa fatta dalla stessa compagnia nipponica. Vi ricordiamo che il nuovo capitolo di Animal Crossing è disponibile esclusivamente su Nintendo Switch e Nintendo Switch Lite dal 20 marzo 2020

Ed esattamente da questi esempi che Summer in Mara, disponibile dallo scorso 16 giugno 2020 sulla console Nintendo, cerca di prendere spunto per confezionare un esperienza sopra la media, che possa soddisfare le aspettative di ogni singola persona. 

Una storia particolare dopo un inizio traumatico..  

Nei primi istanti del gioco vedremo un emozionante filmato animato di introduzione, che ci permetterà di far luce già da subito su cosa ci attenderà nell’arco della nostra avventura.

La storia segue le vicende di Koa, una giovane ragazza vittima di un naufragio quando era solo poco più di una piccola bambina, ma che proprio nel momento del bisogno viene salvata tempestivamente da Yaya Haku, un personaggio dall’aspetto a dir poco bizzarro ma che poco per volta, nell’arco della nostra linea narrativa, diventerà sempre più importante per la bambina. 

Dopo questa breve parentesi iniziale, dovremo seguire un classico tutorial, ma, a differenza di altri, questo viene proposto al giocatore in maniera fin troppo rudimentale. Durante le varie spiegazioni di rito non verrà specificato assolutamente nulla su cosa dovremo fare effettivamente, tolto le classiche missioni iniziali che ci verranno consegnate ma che apprenderemo da noi stessi. 

Tolto questo inizio, un po’ traumatico per i non avvezzi a questo genere di esperienze, da quel momento inizierà il nostro viaggio in Summer in Mara, nel quale visiteremo tante isole e anche una graziosa città, dove all’interno avremo la possibilità di interagire con gli abitanti della zona per soddisfare le loro eventuali richieste.

La scrittura delle varie quest è buona, certo non pensate che vi troverete a vivere qualcosa di emozionante o diverso dal solito, ma nel complesso si passerà da argomenti comici a temi molto più seri, dimostrando come gli sviluppatori abbiamo cercato di osare anche nel comparto narrativo, sebbene si fosse potuto fare qualcosa di più. Una cosa divertente invece è la presenza della possibilità di personalizzare come meglio noi crediamo la nostra isola, con diverse strutture, animali e tanto altro ancora.

Soffermandoci invece un attimo a parlare del gameplay ci troveremo di fronte a nulla di rivoluzionario: sebbene sia presente anche il ciclo giorno / notte, la nostra principale missione sarà quella di accettare continuamente o per la maggior parte delle volte delle classiche e ripetitive fetch quest. Le missioni che ci verranno affidate si risolvono esclusivamente nell’andare a prendere un tipo di materiale, per poi consegnarlo all’NPC che ce li aveva precedentemente richiesti, e cosi via. 

Una scelta discutibile che alla lunga può annoiare i giocatori non proprio abituati a giochi di questo genere, ma nel complesso ci sentiamo di dire che l’esplorazione di ogni isola è divertente, buttarsi alla scoperta di nuovi paesaggi e segreti lungo le nostre spedizioni. Nell’arco della nostra avventura avremo anche modo di utilizzare un piccolo laboratorio dove poter creare vari oggetti e materiali di ogni tipo, che potranno tornarci utili già nelle fasi iniziali del gioco. Ma non è tutto, avremo anche la possibilità di cimentarci nella pesca, grazie ad un semplice minigioco che sarà attivo non appena verrà sbloccato nel corso della storia storia.

Comparto tecnico brillante ma.. 

Per quanto riguarda il discorso prettamente tecnico ci soffermiamo sul buon lavoro fatto dal team di sviluppo sui personaggi presenti in game anche nei filmati animati, ma le location e il lato artistico del titolo stona, in quanto evidentemente non si poteva fare di più considerato il modesto budget iniziale per migliorare molti fattori presenti nel progetto.

Nel complesso però siamo su di un buon livello, sia in modalità docked che in portatile, premiando quest’ultima per una risoluzione più definitiva, invece per quanto riguarda i tempi di caricamento in fase di recensione non abbiamo constatato problemi se non alcuni bug risolvibili con semplici aggiornamenti. 

Le musiche sono ottime e si amalgamano bene, stessa cosa vale anche per i tempi di reazione dei Joy-Con e del Nintendo Switch Pro Controller, mappato benissimo con nessun ritardo di input. Nota dolente ma abbastanza prevedibile è la totale assenza dei sottotitoli in italiano. Il gioco è disponibile esclusivamente con testi in Tedesco, Inglese, Spagnolo, Francese, Portoghese e Russo.

Conclusione

Summer in Mara è un progetto che bacia l’essere rilassante e calmo, ma allo stesso tempo si poteva fare qualcosa di più come abbiamo detto precedentemente nel corso della nostra recensione. L’avventura della giovane Koa merita comunque una possibilità proprio per la grazia che gli sviluppatori hanno dato a ogni singolo personaggio presente nel titolo, ma basta solamente che sappiate che questo non è assolutamente un gioco per tutti. 

Summer in Mara è disponibile dal 6 giugno 2020, in digitale scaricabile dal Nintendo Switch eShop al prezzo di € 21,99 € per 2090,00 MB di spazio complessivo. Il gioco è localizzato in Tedesco, Inglese, Spagnolo, Francese, Portoghese, Russo ed è compatibile con il cloud dei dati di salvataggio e Nintendo Switch Pro Controller.

Pro:

  • Personaggi ben realizzati
  • Rilassante 
  • La modalità portatile è senza dubbio la migliore

Contro:

  • Prezzo lievemente alto
  • Missioni troppo ripetitive 
  • Assenza di contenuti extra 
Summer in Mara
Summer in Mara
Commenti da Facebook