Arrivano su Nintendo Switch gli ultimi due capitoli della fantastica storia di Rufus con i suoi inseparabili amici pronti a nuove avventure. Scopriamo ogni dettaglio nella nostra recensione.

Continua il supporto dell’azienda tedesca Daedalic Entertainment nel portare tutti i suoi titoli punta e clicca sulla console di casa Nintendo con questi altri due progetti: stiamo parlando di Goodbye Deponia & Deponia Doomsday. Entrambi sono stati rilasciati lo scorso 23 dicembre 2019 e sono disponibili all’acquisto sul Nintendo Switch eShop. Per quanto riguarda la scelta narrativa, Goodbye Deponia rappresenta il terzo episodio della serie, invece Deponia Doomsday è il quarto capitolo, ma gli avvenimenti raccontati sono in universo parallelo ben distante dalla trilogia classica.

La storia di Rufus continua in Goodbye Deponia

Partiamo subito con una premessa: chi non ha provato i primi due capitoli non troverà nessuna spiegazione sulla storia e nessun riassunto da nessuna parte, quindi mi raccomando, prima di avventurarvi in questa ultima odissea, giocate le precedenti, perché Daedalic non vi aiuterà. Non potendo entrare nel dettaglio degli avvenimenti narrati per non cadere in banali spoiler possiamo dire che in questa terza avventura non viene messo da parte il solito clima scherzoso. Nel complesso i toni saranno più cupi e ancora più maturi in determinate situazioni rispetto al passato.

In quest’ultima storia si scoprirà finalmente il destino di Deponia, che verrà rivelato man mano che avanzerete nella partita. La longevità del progetto è in linea con le altre produzioni, ma il valore di questa caratteristica come al solito dipenderà dal singolo giocatore e dal tempo che impiegherà nel risolvere i vari enigmi presenti nel gioco.

In un mondo parallelo con Deponia Doomsday

Ora parliamo di Deponia Doomsday, un capitolo molto particolare rispetto all’idea iniziale di costruire questa saga come semplice trilogia. In seguito però, visti i grandi risultati in termini di vendita con i precedenti capitoli, il team di sviluppo ha pensato di continuare creando questo nuovo titolo. Rispetto alle altre tre produzioni questo gioco nella timeline generale si colloca alla fine, anche se può esser inserito tra il primo e terzo episodio ambientato in un universo parallelo.

Parlando della trama in maniera basilare per non rovinarvi l’esperienza, Rufus si sveglierà da un incubo. Ed sarà proprio da quel momento che si evolverà tutta la storia, ricca di colpi di scena e con l’inserimento di nuovi personaggi. Uno di questi è lo scienziato, che costruirà una macchina del tempo permettendovi di viaggiare in fasi temporali diverse, con conseguenze allarmanti per lo svolgimento della storia rendendola meno lineare al passato.

Gameplay e comparto tecnico

Per quanto riguarda il discorso del gameplay entrambe le produzioni continuano a rimanere fedelmente ancorate a sé stesse a allo stile imprescindibile dei giochi punta e clicca. In questo caso utilizzeremo i nostri amati Joy-Con oppure il Nintendo Switch Pro Controller. Lo stile è sempre unico e scanzonato, grafica di notevole fattura con qualche piccola sbavatura qua e la ma che specialmente in modalità portatile è un piacere per gli occhi.

Essendo due produzioni non proprio recentissime non hanno nessun problema di caricamento sulla console Nintendo, dimostrando la buonissima qualità del porting, anche se forse si poteva anticipare decisamente l’uscita. Proprio perché si tratta di un porting, scordatevi funzionalità come HD Rumble e touchscreen. Il comparto sonoro, con confermato il doppiaggio sublime in lingua italiana, ti fa calare ancora di più in questi mondi fantastici e ti farà vivere a pieni polmoni avventure indimenticabili.

Conclusione

Goodbye Deponia & Deponia Doomsday arrivano su Nintendo Switch forse con troppo ritardo, un peccato perché ci sentiamo senz’altro di consigliarveli, a patto che conosciate in fondo Rufus e tutta la sua allegra compagnia. La console nipponica si conferma però la casa ideale per tutti coloro che vogliono intraprendere delle avventure grafiche con la comodità della portabilità che solo Nintendo può regale nel 2020.

Goodbye Deponia & Deponia Doomsday sono disponibili dal 23 dicembre 2019, in digitale (scaricabili dal Nintendo Switch eShop al prezzo di € 19,99 cadauno per 1820,00 MB il primo, e il secondo 2124,00 MB di spazio complessivo). I giochi sono localizzati in Tedesco, Inglese, Spagnolo, Francese, Italiano, Russo ed è compatibile con il cloud dei dati di salvataggio e Nintendo Switch Pro Controller.

PRO:

  • Graficamente entrambi i titoli sono stupendi
  • Linee narrative promosse in pieno
  • Doppiaggio italiano di pura qualità

CONTRO:

  • Ritardo eccessivo nelle pubblicazioni su Nintendo Switch
  • Nessun contenuto esclusivo
  • Prezzi lievemente troppo alti

 

 

 

 

 

 

Commenti da Facebook