Un’emozionante avventura puzzle game sbarca su Nintendo Switch, stiamo parlando di Down in Bermuda e questa è la nostra recensione per voi. 

Nel corso degli ultimi anni il panorama dei titoli pubblicati dalla console nipponica varia a dismisura. Ci sono esperienze che abbracciano un filone classico, dal platform game fino ad arrivare a semplici avventure che, grazie alla qualità Nintendo, riescono ancora ad oggi a conquistare la stragrande maggioranza dei videogiocatori di tutto il mondo.

Tra questi titoli non possono mancare progetti di differente tipo, tra cui i puzzle game, storie raccontate diversamente che narrano vicende emozionanti ma anche scanzonate e che riescono a far divertire fin dalle prime ore di gioco. Nintendo da sempre è la casa di questi titoli, grazie alla fantastica possibilità di usufruire anche della natura portatile della stessa console.

Ed è con queste premesse che dopo il periodo di esclusiva temporale su Apple Arcade, il noto servizio di gaming in abbonamento realizzato dalla stessa Apple, sbarca su Nintendo Switch e Nintendo Switch Lite il grazioso e affascinate Down in Bermuda, acquistabile dal 14 gennaio 2021 esclusivamente sul Nintendo eShop.

La storia di un povero e sfortunato aviatore

Come potrete immaginare alcune volte esperienze di questo tipo decidono di adottare una storia abbastanza semplice, Down in Bermuda è l’esempio lampante di tale scelta. Vi troverete a vivere la disavventura di un povero aviatore, che precipita durante una spaventosa tempesta e si ritrova a naufragare nel terribile e famigerato triangolo delle Bermuda.

Il nostro compito sarà quello di riuscire ad ogni costo a fuggire da questo terribile incubo dove siamo caduti, vagando tra le varie isolette che compongono l’arcipelago. Una narrativa come vedete semplicissima ma graziosa, merito anche allo stile grafico adottato dal team di sviluppo.

Tale scelta è stata fatta specialmente per premiare quella vena artistica presente in quest’opera, con colori vivi e accesi, che raccontano un triangolo delle Bermuda ben diverso rispetto alle classiche storie inquietanti raccontate nel corso degli anni su questa fetta di mondo misterioso.

Un gameplay a base di enigmi di ogni genere

Down in Bermuda è composto da diversi enigmi di ogni genere. Il nostro compito, come precedentemente detto, sarà quello di trovare la via di fuga da questo arcipelago, e per farlo dovrete completare ogni enigma che vi troverete ad affrontare.

Le intere mappe sono tutte composte da puzzle game sparsi in giro per l’ambientazione di gioco, che potrete esplorare come meglio crediate grazie alla possibilità di utilizzare anche il touch screen ottimizzato in maniera eccelsa sfruttando appieno tale qualità disponibile su Nintendo Switch. Ovviamente non vi spaventate, si potranno utilizzare anche i semplici Joy-Con oppure il Nintendo Switch Pro Controller ma il nostro consiglio è giocarlo tutto in touch screen.

Prestate molta attenzione, alcuni enigmi sono difficili da scoprire, ma grazie alla telecamera dall’alto sarà semplicissimo ruotarla per non perdere nessun dettaglio delle isole. I puzzle da risolvere principalmente sono di diverse tipologie ma tutti sono basati su un’interazione dello scenario quindi non pensate ad un’avventura grafica vecchio stile.

In questo titolo vi troverete a risolvere i puzzle tramite combinazione di oggetti, raccolta di determinati tipi di materiali e tante altre piccole cose che scoprirete durante la vostra avventura. La difficoltà è presente, ma niente di realmente problematico, alcuni sono semplicemente più strutturati di altri ma tranquilli non state vivendo un’esperienza proibitiva. 

Avanzando nell’avventura, il nostro sfortunato aviatore dovrà recuperare dei globi di energia, fondamentali per riuscire a raggiungere ulteriori isole e arrivare alla tanto decantata salvezza. I globi saranno ottenibili ad ogni enigma risolto con successo, ma alcuni saranno nascosti nell’ambientazione, quindi mi raccomando interagite con ogni cosa presente in game altrimenti correrete il rischio di perderli nelle isole.

Porting di ottima qualità su Nintendo Switch

L’esperienza di Down in Bermuda sulla console ibrida nipponica si dimostra all’altezza delle aspettative, con un porting realizzato molto bene sia in termini di prestazione che di qualità finale. Gli sviluppatori hanno lavorato anche in maniera ottimale sul touch screen, funzionale e con nessun problema riscontrato in fase di recensione.

Molti titoli precedentemente recensiti non avevano neanche inserito tale feature, quindi un applauso meritato va tutto al team di sviluppo di Yak & Co per il lavoro svolto nel portare su Nintendo Switch questa piccola opera. Per quanto concerne il lato tecnico del frame rate non abbiamo avuto problemi e la qualità della risoluzione si assesta sui 720p in entrambe le modalità, sia portatile che in TV.

Analizzando il comparto sonoro notiamo come ogni melodia presente nel gioco si fonda perfettamente con lo stile adottato, anche se non ci troviamo di fronte a tracce indimenticabili. Down in Bermuda è completamente sottotitolata in italiano, con un’ottima traduzione e tutto sommato molte linee di dialogo grazie ad alcuni NPC che troverete nel corso della vostra storia sebbene non sia troppo longeva.

La fine della nostra epopea

Down in Bermuda si dimostra un titolo all’altezza della situazione. Un’esperienza soddisfacente specialmente per lo stile adottato dal team di sviluppo, far vivere al videogiocatore una storia differente utilizzando il famoso arcipelago delle Bermuda da sfondo.

Gli enigmi e tutti i puzzle game che abbiamo affrontato sono molto simpatici e divertenti, certo siamo distanti da titoli come The Witness che offriva un livello di difficoltà maggiore, ma anche in questo gioco troverete senz’altro delle belle risposte. Noi di Nintendo Player vi consigliamo di provarlo, e che dire, se siete amanti di questo genere, Down in Bermuda è uno di quei giochi da non perdere assolutamente.

Down in Bermuda è disponibile dal 14 gennaio 2021, in versione digitale scaricabile dal Nintendo Switch eShop al prezzo di € 19,99 € per 432,00 MB di spazio complessivo. Il gioco è localizzato in Tedesco, Inglese, Spagnolo, Francese, Italiano, Giapponese, Coreano, Olandese, Portoghese, Russo, Cinese ed è compatibile con il cloud dei dati di salvataggio e Nintendo Switch Pro Controller.

PRO:

  • Graficamente molto buono
  • Touch Screen ottimizzato in maniera eccelsa 
  • Enigmi accattivanti  

CONTRO:

  • Abbastanza statico 
  • Longevità abbastanza risicata 
Commenti da Facebook