Car Mechanic Manager – Recensione

Dopo diversi anni dal suo approdo su PC (Steam) e sul mercato mobile Car Mechanic Manager (e Car Trader) sbarca su Nintendo Switch.

I titoli gestionali negli ultimi anni hanno avuto sempre un grosso impatto nell’ambito videoludico globale. Car Mechanic Manager è un titolo simulativo di lavoro, precisamente nell’ambito della meccanica, ambientato in una officina da mandare avanti nel miglior modo possibile.

Uscito su Steam nel 2015 e sviluppato dai ragazzi di InImages, ora approda anche su Nintendo Switch con un porting curato da Ultimate Games, dimostrando fin da subito le problematiche del titolo anche sulla console Nintendo.

Donne e motori, legheranno?

La storia è abbastanza banale: sarete chiamati a vestire i panni di una ragazza, senza nome, con il sogno di diventare il miglior meccanico sulla piazza. Le sue principali attività saranno quelle di gestire, riparare e vendere automobili per riuscire a mettere da parte un quantitativo di denaro utile a migliorare la sua officina. La partita inizia con un semplicissimo tutorial dove vi verranno spiegate le basi del prodotto. Farete la conoscenza del vostro ufficio, dove tramite esso dovrete accettare i lavori, acquistare nuove vetture e decidere le eventuali vendite dell’officina.

Gli incarichi si generano casualmente ogni 2 minuti e, dopo aver ottenuto dei guadagni completando le missioni, avrete modo di aumentare il vostro livello sbloccando così nuove abilità. Sarà possibile quindi allargare il catalogo, con i soldi guadagnati per ottenere nuove automobili per progredire nella tua avventura da meccanico.

Car Mechanic Manager

Il menu, come potrete vedere, sarà confusionario e poco chiaro anche nel tutorial, dato che molte sezioni (come ad esempio quella dedicata all’aspetto esterno delle automobili) non vengono minimamente spiegate (basterà incassare del denaro per fare le relative modifiche). In-game troverete a prezzo fisso per l’acquisto tanti accessori per personalizzare la vostra autofficina, come le recinzioni e i classici cartelloni pubblicitari. Potrete inoltre ingrandire lo spazio di edificazione.

Il grado di difficoltà è pari a zero, ogni azione non avrà nessun tipo di effetto negativo sulla performance lavorativa. Consumerete solamente del denaro, ma grazie agli incarichi illimitati non avrete problemi nel riaccumulare somme importanti in modo veloce. Scelta abbastanza azzardata da parte degli sviluppatori, si poteva osare ben di più, specialmente per un titolo del genere che dovrebbe simulare un attività lavorativa.

Car Mechanic Manager

Passando invece sul discorso esclusivamente tecnico, il principale problema di Car Mechanic Manager sono i controlli di gioco, davvero mal funzionanti in questa versione. Sia l’analogico sinistro che quello destro rispondono male e con un lieve ritardo di input, stessa cosa vale per il supporto al Nintendo Switch Pro Controller che dimostra ancora di più quanto si potesse migliorare il titolo in termini di ottimizzazione.

Un altra mancanza da sottolineare (visto che si tratta di un prodotto nato per il mercato mobile) è quella del supporto al Touch-screen. Ciò snatura completamente una delle funzioni principali di Nintendo Switch: in titoli come questo sarebbe quasi obbligatorio offrire questa feature al giocatore. La grafica è piacevole, niente di rivoluzionario ma in linea con gli standard attuali di questo tipo di produzioni. Invece per quanto concerne la soundtrack siamo con un solo brano per tutto l’arco della nostra partita ripetuto all’infinito.

Il titolo è disponibile sul Nintendo eShop dal 7 Maggio 2019.

Car Mechanic Manager

Car Trader

Piccola nota anche per il prodotto venduto standalone Car Trader, uscito su Nintendo Switch il 12 Maggio 2019, al prezzo di 3.99 €. Qui il vostro principale obbiettivo è quello di comprare e vendere automobili. In questo caso avrete a che fare con un concessionario da gestire. Potrete partecipare addirittura ad aste per acquistare macchine nuove e usate, per poi sistemarle e venderle per massimizzare i profitti al momento della vendita.

A disposizione avrete un ampio parco auto che conta più di 100 vetture differenti tra loro, quindi preparatevi che Car Trader sarà esclusivamente una sorta di catalogo automobilistico dove comprare e vendere saranno le uniche cose ammesse nel titolo.

Non ci sarà nessun tipo di collegamento con Car Mechanic Manager, quando avvierete il titolo sarete catapultati immediatamente nella “partita” con una grafica e design davvero limitato, dimostrando ancora una volta come Ultimate Games avrebbe potuto impegnarsi decisamente di più.

Conclusione

Siamo giunti alla fine della nostra recensione: Car Mechanic Manager è un titolo che non ci sentiamo assolutamente di consigliare visto la cattiva ottimizzazione dei controlli, per non parlare dell’assenza al Touch-screen. Si poteva e si doveva fare di più, la sua presenza è difficile da giustificare su console Nintendo.

Car Mechanic Manager è disponibile dal 7 Maggio 2019, su Nintendo Switch eShop al prezzo di € 3,99 per 130,02 MB spazio su console o microSD. Il gioco è localizzato con sottotitoli in Inglese e compatibile con il Cloud dei dati di salvataggio e Pro Controller.

Mentre Car Trader è disponibile dal 12 Maggio 2019, sul Nintendo Switch eShop al prezzo di € 3,99 per 73,40 MB spazio su console o microSD. Il gioco è localizzato con sottotitoli in Inglese e compatibile con il Cloud dei dati di salvataggio e Pro Controller.

Vai alla pagina del gioco.

PRO:

Comparto grafico abbastanza buono

CONTRO:

Sistema di controlli imbarazzante

Manca il supporto al Touch-screen

Storia inesistente

Sistema di difficoltà nullo

Car Mechanic Manager

Car Mechanic Manager

Commenti da Facebook

Written by: Alessandro Beltranda

Alessandro, in arte Tsubasa88. Intorno ai 10 anni riceve a Natale da sua nonna come regalo un Game Boy Pocket con Super Mario Land. Fan dalla prima ora di Super Mario, per tutta la sua vita Nintendo ha rappresentato un autentica passione proseguita con il NES, continuata con il Super Nintendo e Nintendo 64, senza dimenticare le console portatili Game Boy Advance e arrivando ai giorni nostri con il New Nintendo 3DS XL insieme all'immancabile Nintendo Switch.