RECENSIONE: Punch Club – The Dark Fist

Punch Club – The Dark Fist è un gioco di simulazione di lotta uscito sull’eShop Nintendo 3DS. Eccovi la recensione.

Sviluppato da Lazy Bear Games e pubblicato da tinyBuild, Punch Club – The Dark Fist è un gioco di simulazione e management sportivo, in questo caso di lotta. La trama è molto spiccia: nostro padre è stato ucciso e per vendicarlo abbiamo intrapreso la strada della lotta. In primis potrete personalizzare il vostro personaggio dandogli il nome che volete. Non c’è spazio per alcuna inizializzazione al gioco, nè spiegazioni. Tutto risulta molto semplice poichè è c’è una forte componente manageriale.

All’inizio vi troverete nella vostra casa in cui potrete gestire la maggior parte delle cose: mangiare, riposare, guardare la TV e allenarvi. Ogni azione di queste comporterà miglioramenti temporanei al personaggio. Ad esempio se ha fame andrete in frigo per prendere qualcosa da mangiare. Se vi allenate consumerete energia e di conseguenza avrete bisogno sia di mangiare che di riposare. Se non avrete abbastanza energia (indicata dal simbolo di un fulmine) l’allenamento non potrà essere effettuato, per cui sarete costretti a dormire.

Lo scopo del gioco è cercare di vincere la Lega. La strada per la vittoria è molto lunga, e il vostro personaggio attraverso allenamenti duri, giornate lavorative e combattimenti clandestini dovrà guadagnarsi da vivere. Le lotte e il lavoro vi faranno guadagnare soldi, utilissimi da spendere al super mercato per comprare cibo. L’allenamento vi farà migliorare in tre caratteristiche: La forza, la resistenza e l’atleticità, rispettivamente di colore rosso, azzurro e verde. Il gioco consiglia spesso di concentrarsi maggiormente su due di queste tre caratteristiche, che col tempo saliranno di livello. Come detto precedentemente potrete allenarvi in casa, oppure, usufruendo della mappa di gioco, potrete spostarvi in città a piedi o con un autobus pagando, e recarvi in palestra. In palestra, ogni singolo allenamento si paga, ma la peculiarità di questa cosa farà si che vi concentriate solo sulle caratteristiche da voi scelte. Purtroppo quando riposate, queste ultime caleranno un minimo, elemento un pò fastidioso perchè dovrete riallenenarvi.

Ogni volta che vincerete un incontro guadagnerete dei punti abilità da spendere per migliorare le prestazioni del vostro personaggio. L’icona è un esagono di color giallo che si trova in alto a destra dello schermo superiore del Nintendo 3DS. Nello schermo inferiore invece c’è una sorta di menù in cui sarà possibile vedere le caratteristiche del personaggio, i prossimi combattimenti, aprire la mappa della città per spostarvi, guardare l’albero delle abilità acquisite e infine l’albero dello scenario che mostra i progressi del gioco.

Per muovervi dovrete usare o i tasti direzionali o l’analogico sinistro, il tasto azione invece è un tappo con un pugno inciso sopra che dovrete toccare con lo stilo del Nintendo 3DS. Graficamente il gioco è molto retro style ma ha un design davvero molto bello che richiama gli anni 90. Il però 3D non è supportato. Anche il sonoro fa il suo gran bel lavoro nonostante non ci sia una grande varietà di brani. Il gioco risulta essere godibile, ma data la sua linearità potrebbe stancare a lungo andare dato che risulta ripetitivo poichè lo schema è sempre quello: dormire,mangiare, lavorare, allenare e così via. Se avete la giusta pazienza e vi piacciono i giochi dal gusto retrò allora Punch Club – The Dark Fist è quello che fa per voi.

– Grafica e musiche prettamente anni 90
– Buona gestione manageriale

– A lungo andare potrebbe stancare
– Il 3D sarebbe stato apprezzato

Commenti da Facebook

Written by: Piero Rocchetti

Videogamer, compositore, musicista di Roma. Collezionista seriale di retrogames, sono innamorato di Nintendo sin dalla tenera età. I miei giochi preferiti sono le serie di Mario, Final Fantasy, Dragon Quest, Castlevania, Megaman, The Legend Of Zelda e da pochi anni Pokémon.

1 Comment Added

Join Discussion
  1. Mr B 7 Febbraio 2017 | Rispondi

    SDu Miiverse un utente lamentava parecchi freeze, a voi risulta?

Rispondi