RECENSIONE: YS VIII Lacrimosa of Dana – Switch

NIS America porta su Nintendo Switch uno dei suoi pesi massimi ovvero YS VIII Lacrimosa of Dana. Come sarà andata? Scopriamolo insieme!

incubomaker

Nintendo Switch sta ormai diventando un successo per certi versi inatteso, ma di certo ben preventivato da Nintendo stessa. Dai corridoi del quartier generale di Kyoto, Nintendo Switch si sta espandendo a macchia d'olio in tutto il globo, sia per l'unicità del suo hardware ibrido, anche per il suo software colorato ed esclusivo.

Eppure non deve esser stato semplice convincere dei consumatori che quasi si sentivano traditi dopo la folle gestione e l'abbandono di Wii U, tanto che la grande N si è vista costretta a scomodare nel primo anno di vita della console, titoli del calibro di The Legend Of Zelda, Super Mario Odyssey, Splatoon 2 o Xenoblade Chronicles 2, trasformandola nella console Nintendo con il maggior quantitativo di titoli tripla A al lancio.

E questo 2018 cos'ha da offrire ai fortunati compratori dell'ibrida Nintendo? Beh, i titoli non mancano, tra Kirby, Mario Tennis, Octopath Traveler e Monster Hunter giusto per citarne alcuni di questa prima metà di anno e molti altri vedranno la luce nei prossimi sei mesi (Smash Bros, Pokemon, Mario Party su tutti). Ma non di soli nomi altisonanti è costellato il panorama di Nintendo Switch, così, oggi, desideriamo raccontarvi la nostra esperienza con YS VIII Lacrimosa of Dana!

YS VIII Lacrimosa of Dana

Terra!

Toh un naufragio

YS VIII Lacrimosa of Dana è un rpg (gioco di ruolo) molto action ma molto particolare. Gli sviluppatori dopo un lancio quasi soft su Playstation Vita nel 2016 hanno infatti scelto di fare il grande salto e portare la loro creazione sulle console principali, tra cui appunto Nintendo Switch e vi anticipiamo che il risultato è decisamente riuscito.

La serie YS è ben nota ai conoscitori del genere rpg ma molto meno a chi magari non bazzica lande desolate, isole inesplorate o mostri dalle dimensioni abnormi. Per quanto ci riguarda, abbiamo fortissimi e bellissimi ricordi di una serie di certo storica ma che ha sempre mancato di fare il salto di qualità, non riuscendo mai a raggiungere il primo gradino del podio e YS VIII Lacrimosa of Dana non è da meno. Ma andiamo per gradi.

Cosa fareste se foste un avventuriero che naufraga con una bellissima nave da crociera in un'isola misteriosa piena di belve fameliche? Beh ovviamente andreste alla ricerca di superstiti, oggetti utili, cibo e quant'altro di utile possiate trovare al fine di sopravvivere in quel luogo ameno. Così in effetti si comporta Adol il nostro protagonista e qui forse vi si paleserà la caratteristica più peculiare del titolo NIS America, ovvero il campo base.

Ecco lui è bello grosso!

Casa dolce casa

Il Campo Base, o almeno così abbiamo scelto di tradurlo, considerando che il titolo è esclusivamente in Inglese, sia audio che testi (già...) risulta perfettamente integrato col sistema di gioco e lo rende di certo verosimile. Cosa farebbe un gruppo di superstiti su un'isola misteriosa e piena di pericoli? Esatto, tenderebbe a creare una base in modo da difendersi meglio, stoccare i viveri racimolati ed organizzare sortite esplorative atte a portare in salvo altri superstiti o importanti risorse.

Il tutto, pur essendo molto limitato, risulta ben strutturato con competenze uniche di ciascun superstite ritrovato, che grazie alle proprie abilità, aiuterà nella costruzione e nell'espansione di quel piccolo avamposto, ormai divenuto casa. Troverete infatti un superstite che vi sarà utile nella costruzione nuda e cruda, qualcun'altro magari abile nel cucito, creerà per voi armature, vesti e quant'altro e così via.

Con questa meccanica, gli sviluppatori sono riusciti a regalare un'immersività maggiore e un feeling di collettività di certo molto forte. Più sopravvissuti avrete portato in salvo, più aree dell'isola avrete a vostra disposizione, poiché incontrerete sul vostro cammino determinati ostacoli da bypassare o eliminare soltanto grazie al loro aiuto e il tutto rispecchia bene il mood generale dell'opera.

YS VIII Lacrimosa of Dana

Di bello è bello

Sguainate le spade!

Ma qual'è il cuore pulsante di YS VIII Lacrimosa of Dana? Di certo l'esplorazione. Il titolo di NIS America, vi permetterà (in pieno stile Xenoblade) di girovagare per l'isola alla ricerca di materiali, scrigni e animali ostili da abbattere. L'isola infatti vi permetterà di affrontare tantissime creature dai livelli e dalle dimensioni più disparate (in pieno stile Monster Hunter) e di certo il mondo di gioco vi spingerà e stimolerà sempre di più.

Se l'esplorazione è il cuore pulsante dell'intera opera, il sistema di combattimento (con tutto quello che gira intorno) può essere considerato l'arma vincente: fluido, vario e ben realizzato, il combat system di YS VIII Lacrimosa of Dana diverte e convince pur non brillando di luce propria. I riferimenti a molte altre serie sono evidenti, ma nel complesso ci è sembrato convincente e pieno di carisma. Ogni personaggio disporrà di abilità uniche, stili unici, armi uniche e mosse speciali spettacolari con le quali abbattere i propri nemici.

Il trio da voi capitanato si muoverà come un sol uomo e qualora Adon dovesse perdere i sensi in combattimento (non necessariamente), uno dei suoi alleati prenderà il suo posto, permettendovi tra l'altro di switchare da un eroe all'altro in qualsiasi momento con la sola pressione di un tasto. Il livello di difficoltà è molto sfaccettato e va dal molto facile all'estremamente difficile in base alla potenza del nemico ma anche alla sua rarità. Come in Monster Hunter infatti, i mostri più rari, saranno molto più temibili e richiederanno un livello di abilità ed attenzione (sopratutto nell'utilizzo della schivata) non indifferenti.

YS VIII Lacrimosa of Dana

Toh un cristallo!

Andiamo a pesca va!

Le attività secondarie, come la pesca o la caccia, sono ben strutturate e quasi mai noiose, anche grazie ad un'ampia varietà di fauna acquatica e terrestre presente nell'isola. Le missioni non principali poi, sono forse leggermente ripetitive, ma spesso riescono, grazie a dei dialoghi sbloccabili di allacciare o migliorare i rapporti con il resto dei naufraghi dell'isola dei famo- no.

La qualità dei dialoghi (e della scrittura in generale) ci sembra in linea con opere simili, con doppi sensi, battute umoristiche, e stereotipi di ogni tipo pur, a nostro avviso, rimanendo lontana chilometri da pezzi da 90 come Xenoblade Chronicles, giusto per citarne uno a caso.

Per il resto, il comparto audio ci è parso piacevole e azzeccato, pur non riuscendo nel suo obiettivo principale: quello di rendere epico il tutto. In certi punti vi troverete ad affrontare decine di nemici, con magari una canzone di sottofondo del tutto inappropriata ad un combattimento e questo, moltiplicato per le tante ore di gioco (circa 40), vi infastidirà non poco.

Visivamente, YS VIII Lacrimosa of Dana si comporta molto bene, pur essendo evidentemente un titolo nato nel 2016 per una console portatile. Infatti, l'effetto sgranato delle texture, o la bassa risoluzione di certi elementi era impossibile da nascondere e il risultato è piacevole ma nulla più. Inoltre, molto ben abituati da titoli come Xenoblade o Zelda, i caricamenti da zona a zona, alla lunga diventano assolutamente fastidiosi, pur non essendo mai realmente lunghi (3-4 secondi massimo). Il fattore Switch è ben sfruttato e il titolo perde, per ovvi motivi, soltanto in definizione e risoluzione, mantenendo lo stesso frame rate e lo stesso feeling.

Conclusione

YS VIII Lacrimosa of Dana è un gran titolo, lungo e ben strutturato che però tradisce la sua età e la sua natura portatile. Consigliato a chi bazzica i giochi di ruolo con impronta action o ai fan di Monster Hunter e Xenoblade, ci sentiamo di consigliarlo anche a tutti gli altri, magari aspettando un piccolo ribasso di prezzo. Ci spiace YS, il salto di qualità lo rimandiamo alla prossima volta. Forza uomini, si dia il via all'esplorazione!

Vi lasciamo ai nostri soliti Pro e Contro e alla tabella dei voti!

  • Lungo e divertente
  • Classico gioco di ruolo
  • Buona varietà di nemici
  • Discreto il doppiaggio

  • Solo in inglese
  • Colonna sonora "strana"
  • Classico gioco di ruolo

voti lacrimosa

Lascia un commento

Nessun commento ancora

Lascia un commento