RECENSIONE: Twin Robots Ultimate Edition – Switch eShop

da | 01/03/18 17:47

Ratalaika Games ritorna su Nintendo Switch portando un titolo uscito giù in precedenza sulla sfortunata Wii U. Stiamo parlando di Twin Robots: Ultimate Edition.

Il Nintendo eShop come ogni settimana si aggiorna e si riempie di nuovi titoli indipendenti e non. Oggi è il giorno della recensione di Twin Robots: Ultimate Edition sviluppato da Ratalaika Games (The Count Lucanor, League of Evil).

Il gioco si presenta come un platform / puzzle nella quale dovrete comandare due robot: uno libero di agire, l’altro invece bloccato. Il compito sarà ovviamente quello di liberare il vostro compagno e giungere all’uscita, che segnerà il completamento del livello. Non c’è spazio alcuno per la trama, solamente l’abilità del giocatore.

Come potrete vedere dalle immagini, all’inizio vi verrà dato quello che il vostro obiettivo principale. Trovare il pulsante rosso per aprire la porta della prigione dove è bloccato l’altro robot. Tutto così semplice? No. Avendo anche elementi puzzle dovrete imbattervi in trappole e meccanismi disturbanti, oltre al fatto che con il tasto Y potrete switchare da un robot all’altro. Per completare al massimo ogni livello dovrete raccogliere una batteria e collezionare celle di energia che potete trovare sul pavimento appena dopo la liberazione del vostro amico robot. L’energia dei Robot vi sarà utile per aprire poi l’ultima porta che vi condurrà all’uscita.

Entrambi i robot però, col passare del tempo, l’energia la perderanno, per cui sarà sempre una corsa contro il tempo – fortunatamente mai troppo impegnativa – affinché riuscirete a portarli all’uscita. Se anche solo un robot rimarrà senza vita sarà Game Over e dovrete ricominciare da capo.

Ogni livello rappresenterà quasi sempre una sfida nuova con nuove trappole (piattaforme traballanti, pavimenti con spuntoni che sbucano fuori all’improvviso) ma anche zone che vi faranno saltare più in alto per raggiungere piattaforme che da soli, questi mucchi di latta, non potrebbero mai raggiungere.

A differenza dei 28 livelli su Nintendo Wii U, su Switch vi troverete ad affrontarne ben 50. Inoltre il divertimento raddoppia grazie alla modalità co-op, in cui potrete far giocare un amico al vostro fianco. Nonostante questo però, l’unico fattore che rafforza un eventuale rigiocabilità è quello di completare ogni singolo livello al 100& collezionando tutte le batterie e le celle di energia. Altrimenti, vuoi per la facilità, vuoi per la mancanza di contenuti interessanti, una volta terminato il titolo vorrete dimenticarvene per sempre.

A livello di gameplay è un gioco semplice e diretto. Le meccaniche sono davvero a livello base, anche perché dovrete solamente saltare e muovervi. Tutto il resto dipenderà dai vostri riflessi e capacità di puzzle solving.

Graficamente non si grida al capolavoro, ma nemmeno allo scandalo. E’ un titolo che è stato pensato proprio per essere così, minimalista ed efficiente. Purtroppo però nel complesso non riesce ad impressionare. Chi ama i platform puzzle tranquilli e non troppo impegnativi probabilmente lo troverà ottimo, ma tutto sommato è un gioco che arriva alla sufficienza. Non è in grado di offrire un esperienza videoludica memorabile grazie anche ad un elemento sonoro degno di essere apprezzato totalmente.

Se avete del tempo da poter passare in tranquillità sicuramente vi piacerà, altrimenti è un titolo che può benissimo rimanere in vetrina del Nintendo eShop.

PRO:

  • Discreta giocabilità
  • Rigiocabilità solo per i perfezionisti
  • Livelli aggiuntivi rispetto alla versione Wii U

CONTRO:

  • Realizzazione un po’ scarna
  • Longevità bassa nonostante i 50 livelli

 

Articoli Correlati

Wreckfest – Recensione

Wreckfest – Recensione

Era il 2018 quando i mitici Bugbear Entertainment rilasciavano “il prossimo gioco di auto” su PC, ecco che quattro anni dopo Wreckfest arriva anche...