RECENSIONE: The Longest 5 Minutes – Nintendo Switch

da | 17/02/18 17:30

Nippon Ichi Software ci teletrasporta negli anni 80 con un RPG in salsa 8bit: eccovi la recensione di The Longest 5 Minutes per Nintendo Switch!

Negli ultimi anni sono rientrati prepotentemente sul mercato videoludico dei titoli che si ispirano prevalentemente a quelli che hanno scritto la storia a partire da metà anni 80 in poi. Vere e proprie perle in pixel art si potrebbe dire, e ce ne sarebbero molti da citare.

Oggi è il momento di dare spazio ad una di queste perle, nata dall’ormai famosissima NIS (Nippon Ichi Software) la quale ha dato vita a The Longest 5 Minutes, un RPG che strizza l’occhio principalmente a capisaldi come Earthbound e Final Fantasy.

Se ad oggi le grandi Software House danno importanza al realismo e a tecnicismi da far strabuzzare gli occhi, NIS ci mette davanti ad un gioco che offre un mondo coloratissimo e pixellato, con una storia a fargli da contorno semplice ed immediata.

Appena iniziato il gioco vi ritroverete ad affrontare il Boss finale, il perfido Demon King. Una overture decisamente strana… eppure efficace, perché è proprio su questo momento che si basa l’intera storia.

Vestirete i panni dell’Eroe chiamato Flash Back che purtroppo durante il combattimento perde la memoria. Di conseguenza la sua identità sembra svanita, così come il motivo principale per cui lui si trovi al cospetto del Re dei Demoni. A quel punto partirà un timer, ed entro quel limite dovrete recuperare la memoria. Ma non fraintendete, non dovrete portare a termine il gioco in soli cinque minuti…

Flash Back però, in questa avventura, non sarà solo. Al suo fianco avrà degli amici che saranno poi gli altri componenti del party: Regent il mago / bardo che si atteggia a rockstar, Yuzu la monaca, ed infine Clover, la sacerdotessa con poteri di guarigione.

Sebbene di primo acchito il gioco sembri mostrare degli elementi di gameplay conosciutissimi, vi basterà poco tempo per capire che c’è molto di più. Infatti le normali sessioni di gioco di esplorazione, dialoghi e combattimenti sono suddivise in Memorie, veri e propri scenari che una volta conclusi potranno essere rigiocati. Tra uno scenario ed un altro vi troverete sempre al cospetto del Demon King, una boss fight diversa rispetto ai classici combattimenti RPG, poiché sarete chiamati a dover scegliere le azioni da intraprendere. Le vostre scelte andranno a sbloccare poi altri ricordi.

Durante le sezioni più rpgistiche vi troverete a guidare i personaggi nelle varie location, esplorare la world map, i vari dungeon e quindi affrontare nemici. Come in ogni gioco di ruolo, al termine di ogni scontro vi saranno assegnati Punti Esperienza e Gold da utilizzare nei vari negozi per effettuare acquisti di vario genere. Abbiamo trovato però quest’ultima azione poco utile, in quanto durante l’esplorazione dei dungeon vi capiterà molto facilmente di scovare scrigni contenenti equipaggiamento adatto per affrontare la battaglia coi nemici e col boss.

La vittoria su quest’ultimo segnerà spesso il terminare della sezione (o della memoria). Anche qui, vi verranno assegnati EXP aggiuntivi a seconda delle varie sottoquest che avrete portato a termine.

Sarete liberi però di accumulare esperienza, denaro e quindi migliorare ogni componente del vostro party semplicemente combattendo continuamente i vari nemici della world map o dei dungeon.

Conclusione

The Longest 5 Minutes è un titolo molto valido a cui abbiamo dato una possibilità. Il risultato? E’ che non ce ne siamo assolutamente pentiti. Un po’ per il gusto retrò, un po’ anche perché innegabilmente il gioco ha molti legami con quel trionfante passato che ha visto nascere su console a 8 bit i più famosi e grandi RPG di stampo nipponico e non.

Come detto in precedenza, Earthbound è Final Fantasy sono stati più di un ispirazione a partire dalla grafica e dallo stile complessivo, storyline con risvolti ironici e strambi avvenimenti. Da sottolineare la mancanza della lingua italiana per chi non avesse grandi dimestichezza con l’inglese.

Il titolo di NIS è disponibile già sul Nintendo eShop di Switch al prezzo ti 39,99 euro, altrimenti potrete acquistarlo su Amazon cliccando qui.

PRO:

  • Stile grafico con richiami al passato
  • Ottima colonna sonora
  • Ottima storyline e caratterizzazione dei personaggi
  • Discretamente longevo

CONTRO:

  • A tratti troppo facile

Articoli Correlati

Wreckfest – Recensione

Wreckfest – Recensione

Era il 2018 quando i mitici Bugbear Entertainment rilasciavano “il prossimo gioco di auto” su PC, ecco che quattro anni dopo Wreckfest arriva anche...