RECENSIONE: Skies of Fury DX – Switch eShop

Seed Interactive, Ingenium e Illumination Games hanno portato il Bloody April su Nintendo Switch: un periodo  storico ambientato nella Prima guerra mondiale e trasformato in videogioco con il nome di Skies of Fury DX.

Proprio nell’aprile del 1917, in piena Prima guerra mondiale, le operazioni di supporto aereo dei velivoli britannici furono messi a dura prova dai caccia tedeschi. Questo periodo prese il nome di Bloody April (aprile di sangue) proprio per sottolineare le numerose perdite avvenuti nei cieli francesi (durante la Battaglia di Arras) della Royal Flying Corps britannica.

Skies of Fury DX è uno sparatutto 3D che si ispira a questo periodo storico e ricrea con qualità quel grande battaglione aereo (britannico e tedesco) in tutti i suoi particolari.

Il gioco ha una campagna principale composta da 5 capitoli dove ognuno dai quali è formato da 20 missioni, 10 usando aerei ( composti da biplani e triplani) della Royal Flying Corps britannica e altri 10 missioni usando i caccia tedeschi della Luftstreitkräfte: quindi, facendo bene i calcoli, ci attenderanno ben 100 missioni aeree da giocare.

Le missioni di gioco si dividono in vari tipi: ci saranno missioni in cui dovremmo eliminare l’intero squadrone avversario, oppure altre in cui il nostro compito sarà quello di supportare e proteggere un piccolo gruppo di biplani fino ad una zona sicura. Disponibili anche missioni checkpoint a tempo in cui però ci servirà prima un po’ di pratica con i comandi di gioco.

Clicca per ingrandire!

Iniziando la campagna, sarete messi alla guida di un biplano (con caratteristiche standard) della Royal Flying Corps britannica e dovrete vedervela con il tutorial di gioco, beh menomale perché il tutorial iniziale andrà a spiegarci (un po’) i confusionari comandi di gioco. Con una configurazione Joy-Con staccati (con o senza Grip) in modalità TV (o portatile) i controlli di gioco risulteranno a tratti complicati.

Per manovrare il vostro biplano dovrete usare la levetta analogica di sinistra: mandandola in avanti l’aereo accelererà, indietro invece frenerà; spostando la levetta a destra e sinistra il biplano cambierà leggermente direzione senza però curvare effettivamente. Per fa curvare l’aereo vi servirà la levetta analogica di destra, così facendo il biplano inizierà a ruotare e toccherà a voi direzionare bene la curva altrimenti continuerà a ruotare su se stesso. Potrete far fuoco con il tasto ZR, invece con ZL (dopo aver accumulato energia) sarete in grado di usare una mossa speciale. I 4 tasti del Jon-Con sinistro sono dedicati alle manovre aeree mentre R e L serviranno a cambiare telecamera di gioco così che riuscirete a inquadrare e ad agganciare bene il vostro nemico all’interno dello spazio aereo.

Skies of Fury DX può essere giocato anche con un unico Joy-Con e, così facendo, controllare il vostro velivolo sarà una passeggiata. Giocare con i due Joy-Con o con il Pro Controller può risultare snervante e complicato per via dell’uso scorretto delle levette analogiche. Gli sviluppatori hanno cercato di emulare la difficile manovrabilità di quel tipo di aeroplano di quel tempo, si, ma con il Pro Controller in mano è davvero complicato gestire anche un piccolo biplano.

Clicca per ingrandire!

Dopo aver fatto pratica con i comandi e aver abbattuto un po’ di aerei nemici nella modalità Campagna, vi consigliamo di chiamare il vostro fidato amico di gioco e provare una delle due modalità multigiocatore: Survival e Versus.

In Survival (giocabile anche in singolo), voi e il vostro alleato, dovrete vedervela con ondate di aerei nemici mentre in Versus sarete voi contro il vostro amico. In entrambe le modalità potrete scegliere uno dei tanti aerei sbloccati nella modalità Campagna e personalizzarlo con skin e mirini differenti (extra che riceverete completando missioni e consultando il bottino delle ricompense). Se giocato in due, lo schermo sarà diviso da un ottimo split-screen orizzontale. La partita terminerà quando tutte e tre le vite a disposizione saranno perse. Il vostro punteggio finale sarà poi registrato in classifica.

Sfortunatamente, in Skies of Fury DX la mira assistita non potrà essere disattivata, infatti agganciando un bersaglio riuscirete sempre ad abbatterlo scagliandogli una grande quantità di munizioni. Stessa cosa per quando riguarda gli aerei nemici, se vi agganceranno sarete quasi sicuramente eliminati da una scarica letale di colpi. Solo una manovra evasiva riuscirà a ritardare (di poco) la vostra caduta in battaglia.

Uno dei maggiori punti negativi del gioco in questione è la totale assenza di una modalità online multigiocatore: le battaglie aeree online in Skies of Fury DX dovevano essere presenti. Punto.

Clicca per ingrandire!

Chiudendo un occhio su queste mancanze, Skies of Fury DX è un port da mobile a Nintendo Switch comunque molto buono e non superficiale (come risultano essere la maggior parte dei port da mobile a NSW), il gioco offre uno stile grafico accattivante a tema fumetto con ottimi effetti d’illuminazione, ombre e post-processing che ben si sposa con il contesto storico di base. L’HD Rumble è supportato e fa davvero un’ottima figura, in alcune occasioni va a sostituire letteralmente il comparto sonoro di base; non si può dire la stessa cosa, invece, per la tracklist di gioco limitata ad un unico brano (neanche eccezionale).

Skies of Fury DX è un buono sparatutto aereo in 3D che vanta un’ottima realizzazione tecnica e visiva. Il gioco dà il meglio di sè se giocato con gli amici ma manca uno degli obiettivi più importanti, ovvero quello della modalità online multigiocatore: poteva essere davvero uno dei titoli indipendenti più interessanti presenti su Nintendo Switch eShop, l’assenza di questa modalità è una grande mancanza per questo tipo di gioco.

Skies of Fury DX è disponibile dal 12 aprile 2018 sul Nintendo Switch eShop al prezzo di € 16.19 per soli 373 MB di spazio su console o microSD. Il gioco è compatibile con il Pro Controller, HD Rumble e giocabile fino a 4 giocatori. Localizzato il inglese e francese.

Clicca per ingrandire!

  • Ottime battaglie aeree
  • Velivoli storici ben ricreati
  • Visivamente molto valido
  • HD Rumble
  • Fino a 4 giocatori
  • Fumetti sbloccabili sul Bloody April

  • Manca una modalità online
  • Mappatura dei comandi da rivedere
  • Mira assistita
  • Niente lingua italiana

Clicca per ingrandire!

Clicca per ingrandire!

Pagina ufficiale del gioco su Nintendo Italia (link).

Lascia un commento

Nessun commento ancora

Lascia un commento