Zelda BOTW: Fujibayashi parla dei cambiamenti del franchise

Il regista di Zelda - Breath of the Wild, ed altri sviluppatori, parlano degli importanti cambiamenti che hanno apportato in fase di sviluppo rispetto al passato del franchise.

Come saprete, uno dei piani principali degli sviluppatori di The Legend of Zelda - Breath of the Wild è stato quello di rompere tutte le convenzioni del franchise con questo capitolo. Sembra dunque che l'abbiano raggiunto e oggi siamo stati in grado di conoscere qualche dettaglio in più su questo argomento.

In un recente incontro con i colleghi GamesRadar, il regista di questo titolo di successo,  Hidemaro Fujibayashi, ha condiviso alcune parole su come BOTW abbia in gran parte rotto con il passato di Zelda.

E poi abbiamo pensato: "Oh, no, perché dobbiamo farlo?" E molte di queste cose erano delle convenzioni prestabilite in Zelda. Sapete, "i giochi di Zelda sono sempre stati così, quindi dobbiamo farlo così". Ma, pensando dal punto di vista del giocatore, abbiamo voluto dare loro più creatività e libertà, pensando: "Ebbene, no. In realtà, non deve essere così". Abbiamo sicuramente imparato molto da tutta questa esperienza. E ascoltare come i giocatori hanno reagito mi rende molto felice.

nintendo

Dunque, Zelda - Breath of the Wild ha finito per avere circa 300 impiegati che lavoravano al gioco. Verso la fine dello sviluppo, sembra che l'unico compito degli operatori fosse provare il gioco. In questa fase, dovevano vedere se sistemare o cambiare piccole cose. Questo è ciò che il direttore ha detto al riguardo:

Quando le persone sentono che c'erano circa trecento persone che testavano il gioco nello stesso tempo, penso che molte persone fraintendano e pensano che tutti questi abbiano portato grandi cambiamenti nel gioco. E ovviamente abbiamo ricevuto molte informazioni da questi lavoratori. Ma, penso che ciò che era ancora più importante fosse il fatto che le persone potessero vedere esattamente a cosa stavano lavorando nel gioco, e anche a cosa stavano lavorando le persone a loro vicine nel gioco, e pensare: "Bene, Cosa posso fare per migliorare questa parte del gioco?". Fare in modo che il gruppo comprendesse come tutto ha funzionato, ha davvero livellato il lavoro dello staff, e penso che sia stato fondamentale per raggiungere quel livello di qualità del gioco.

Anche Eiji Aonuma, produttore del franchising, ha partecipato a questa intervista. Nell'intervista, ha condiviso che era un po' preoccupato nella fase finale di test del gioco. Tuttavia, sembra che alla fine si fosse convinto che fosse stata una buona idea. Queste sono state le sue parole:

Inizialmente pensavo, anche se lo avessimo avuto, non avremmo avuto abbastanza tempo per finire il gioco ma, mentre lo stavamo concludendo, mi resi conto: "Ah, la motivazione dello staff è davvero alta!". E poi ci siamo resi conto che dovevamo portarla avanti fino la fine.

Infine, Voi siete d'accordo con le loro affermazioni? Se volete altre curiosità, leggete le parole rilasciate sempre da Aonuma in questa intervista.

Commenti da Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento