RECENSIONE: One more dungeon – Switch eShop

Lo sviluppatore Stately Snail porta su Nintendo Switch il suo titolo di esordio, il fantastico e infinito dungeon crawlerOne more dungeon. Scopriamolo insieme.

Daklor92

One more dungeon è un dungeon crawler molto particolare. Le sue caratteristiche lo rendono un gioco unico, che strizza l’occhiolino al primo Doom per la sua veste grafica e ricorda molto il moderno Minecraft. One more dungeon è un gioco che su Switch riesce a prendersi il suo giusto spazio. Un dungeon dopo l’altro, imparerete ad apprezzarne la sua unicità…

Gameplay

One more dungeon è un dungeon crawler molto semplice e intuitivo. Con una grafica “pixellosa” che ricorda lo stile degli anni ’80, è proprio un gioco vecchia scuola. Si tratta di un titolo che ricorda il primo Doom (l’immagine del nostro protagonista senza nome che riporta le ferite in volto sono un chiaro riferimento) e poi c’è la sensazione di trovarsi in un agguato dietro ogni angolo. Il desiderio di voler continuare stanza dopo stanza diventa incredibile.

Dunque, il gameplay di One more dungeon è molto semplice e intuitivo. Appena avvierete la partita, vi ritroverete subito al centro dell’azione, dopo un breve e semplice menù iniziale che analizzeremo in seguito, siete già proiettati all’interno di un dungeon.

Ogni partita sarà sempre unica, i livelli verranno creati casualmente ogni volta, vi permetteranno un’esperienza sempre diversa dalla precedente, e vi ritroverete a sviluppare il vostro personaggio con la raccolta di nuove armi e pozioni curative.

Il vostro unico obiettivo sarà attraversare l’intero dungeon per trovarne il boss del livello e quindi,sconfiggerlo per ottenere la chiave per l’uscita. Così affronterete un nuovo dungeon, che vi porterà a nuovi mostri per un ciclo infinito di volte, o meglio fino alla morte.

Sì, esatto. Prima o poi, inevitabilmente, vi toccherà morire ed è proprio qui che inizia il bello. Il punteggio realizzato, indicato in alto a sinistra durante la partita, si accumulerà ai precedenti mutandosi in crediti che potreste spendere per acquistare dei mutatori.

I mutatori saranno selezionabili dal menù di lancio ad ogni nuova partita. I mutatori sono delle semplice opzioni che potranno facilitarvi il gioco, impostando ad esempio nemici con mezza vita, oppure, se diventerete degli esperti, aumentarne il grado di difficoltà moltiplicando il numero dei nemici presenti nel dungeon. Infine, inizierete una nuova partita diversa dalla precedente.

Comandi di gioco

I comandi di gioco sono molto elementari una volta metabolizzati. Muoverete il vostro personaggio con entrambe le levette analogiche: quella di sinistra vi permetterà di spostarvi mentre la levetta di destra ruoterà la visuale. Una particolarità di questo gioco è che non potrete guardare in basso o in alto, questo vi permetterà di poter osservare tranquillamente lo scenario attorno a voi in modo più semplice. Premendo il tasto “Y” avrete accesso alla mappa di gioco esplorata fino a quel momento.

Poi avrete due classi di attacchi: gli attacchi magici per mezzo di un bastone con il tasto “L” e gli attacchi fisici con spade o simili con il tasto “R“. Come intuirete subito, l’attacco magico diverrà il principale, in quanto permetterà attacchi a distanza e decisamente più efficaci, mentre l’attacco fisico verrà usato principalmente per distruggere le casse o gli oggetti attorno a voi. Entrami i tipi di oggetti equipaggiati saranno indicati in basso a destra. Purtroppo però, gli attacchi magici non sono infiniti. Infatti, consumerete dei cristalli, indicati in alto a destra in base al colore del bastone magico utilizzato.

Inoltre, troverete altri oggetti come pozioni curative o artefatti. Le pozioni vi serviranno per recuperare la vita indicata in basso a sinistra con il cuore rosso. Gli artefatti, infine, sono oggetti magici potenti che utilizzeranno la vostra sanità mentale, indicata in basso sinistra con il cuore giallo.

Se il conteggio di uno dei due raggiunge lo zero, sarà game over. Questi oggetti potranno essere utilizzati dal menù inventario, tasto “X“, oppure con la scelta rapida con i tasti indicati in alto al centro (potrete equipaggiare gli oggetti rapidi dall’inventario).

Infine, in giro per il dungeon potrete trovare delle monete rare con un teschio, indicate in alto a sinistra, spendibili all’interno della partita in appositi tavoli in cambio di armi o cristalli.

Tecnica

Dal punto di vista tecnico One more dungeon è ben curato. La grafica fortemente pixellosa riesce ad immergere il giocatore profondamente all’interno dei suoi scenari. Una grafica moderna avrebbe penalizzato il fascino di questo titolo. Il level design ci porta in mondi sempre diversi e affascinanti anche se le ambientazioni rimangono simili: a parte la differenza di colori, è sempre la stessa.

Purtroppo, un grande pregio di questo titolo è anche il suo peggior difetto. Come già detto, il titolo ha la caratteristica di creare i nuovi dungeon sempre casualmente ad ogni avvio del gioco, ma spesso è talmente casuale da creare delle situazioni divertenti o assurde.

Infatti, potrà capitarvi di aprire una porta e trovare un vicolo cieco senza nemmeno alcun tipo di oggetto o persino di iniziare una nuova partita già circondato da decine di mostri venendo uccisi all’istante. Fortunatamente è capitato una volta sola, ma rimane comunque una situazione sconfortante.

La colonna sonora è ben fatta e coinvolge bene il giocatore con musiche azzeccate che riescono a tenere alta la suspense in certi momenti. Dal punto di vista dei controlli e del HD Rumble, il gioco si comporta discretamente. Le vibrazioni sono i feedback dei colpi che riceviamo. I controlli sono facili e intuitivi anche se la rotazione della visuale a volte è a scatti, rendendo difficile mirare ad un bersaglio molto lontano. Il gioco è perfettamente godibile in ogni modalità della nintendo Switch, adatto in ogni momento e situazione.

 

Conclusione

One more dungeon è un gioco semplice e senza grandi pretese, ma è proprio grazie alla sua semplicità che riesce a coinvolgere ogni giocatore. Ogni volta che avvierete una partita vi sarà difficile smettere, perché esplorerete ogni angolo della mappa.

One more dungeon riuscirà a farvi passare delle ore di divertimento assicurato che vi farà sorvolare sui suoi piccoli difetti. Sicuramente, se siete appassionati di dungeon questo titolo non può mancare dalla vostra libreria. Il gioco è presente solo sull’eShop di Nintendo Switch al prezzo di 7,99€ e occuperà poco meno di 107 Mb.

E’ quindi arrivato il momento dei nostri Pro  e Contro .

 

 

 

  • Colonna sonora azzeccata
  • Longevità infinità
  • Ogni momento è perfetto per giocarci
  • Il prezzo
  • Possibilità di personalizzare ogni partita

  • Ambientazioni un po’ ripetitive
  • A volte la troppa casualità causa dei problemi nel gioco
  • A volte scoraggiante

Commenti da Facebook

Written by: Jonathan Rizzo

Jonathan, per tutti Jo, muove i suoi primi passi nel mondo video ludico su Nintendo 64 di cui diventa grande fan grazie al famoso Super Mario 64. Non si fa mancare le serate divertenti tra amici attorno ad un tavolo di D&D o su un divano a colpi di joypad su Mario Kart. A seguito della scoperta del gruppo NPlayers, Jonathan trova la possibilità di poter lavorare per qualcosa che ha sempre amato, felice di aver trovato qualcuno con cui condividere la propria passione per i baffi di Mario e le guance rosse elettrizzanti di Pikachu.

No comments yet.

Rispondi