Kirby e la terra perduta – Anteprima

da | 10/03/22 13:00

Il ritorno in grande stile di Kirby è alle porte e nell’attesa abbiamo provato ed analizzato per voi la demo di Kirby e la terra perduta!

Pochi franchise Nintendo sono apprezzati come quello di Kirby. La palletta rosa tutta elasticità e voracità sarà protagonista di una nuova avventura in Kirby e la terra perduta e non vediamo l’ora di metterci le mani sopra. Per placare, anche se parzialmente, la nostra sete di platform Nintendo e Hal hanno ben pensato di rilasciare una demo comprendente 2 livelli ed una boss fight, che ora andremo ad analizzare.

La prima cosa che faremo è scegliere un livello di difficoltà tra “Tempesta” e “Brezza”. Noi abbiamo affrontato ogni livello in modalità “Tempesta” e possiamo dirvi che lo è solo di nome. Come nella migliore tradizione di Kirby la difficoltà non è mai stata un problema per nessun tipo di giocatore ma sicuramente nelle fasi avanzate del titolo completo le sfide saranno più ardue. Possiamo anche giocare l’intera demo assieme ad un amico in locale che prenderà il controllo di un Waddle Dee Aiutante.

Dopo un filmato introduttivo in grafica di gioco, raggiungeremo Il primo livello. Qui inizieremo a fare i conti con uno dei punti deboli più vistosi di Kirby e la terra perduta: il frame-rate. Purtroppo non potremo andare oltre i 30fps né in modalità docked né in portatile ma, anzi, questo potrebbe scendere ulteriormente nelle scene più concitate e con più effetti. Ciò è un gran peccato soprattutto considerando che nemmeno Star Allies girava a 60fps e questa sarebbe stata l’occasione perfetta per mostrare qualche muscolo in più sul lato tecnico.

Fortunatamente lo stile regge quasi in toto la parte grafica del titolo. Colori molto accesi, texture ottime e una buona qualità degli effetti sono la prassi in Kirby e la terra perduta. La risoluzione è buona, oscillando dai 1080p ai 810p in modalità docked e dai 720p ai 540p in modalità portatile senza grossissimi drop di qualità. Anche le animazioni sono sempre fluide e ben fatte, tralasciando quelle dei nemici distanti dalla telecamera che invece sono estremamente scattose.

Un applauso va invece fatto al comparto sonoro. Questo è composto da melodie classiche e musiche nuove estremamente evocative ed in tema con ambientazione e stile (nello specifico quella dell’ultima boss fight è eccellente). Buoni gli effetti sonori, che non si discostano da quelli originali ma sono ben riprodotti.

Ma è il gameplay è il vero protagonista di Kirby e la terra perduta. Qui troviamo un vero e proprio platform 3D dall’impianto estremamente simile a Super Mario 3D World (nonostante dai trailer apparisse più vicino a Super Mario Odyssey). L’ambiente è liberamente esplorabile ed è possibile tornare indietro nel livello finchè vogliamo. Come nella maggior parte dei giochi della palletta rosa possiamo aspirare i nemici per sputarli o per acquisire nuove abilità. Il nuovo tassello però è rappresentato dalla boccomorfosi.

Questa consiste nell’aspirazione di oggetti ben più grandi di Kirby che non possono essere ingeriti, ma in qualche modo si fonderanno con il nostro eroe, cambiandone l’aspetto. Nella demo possiamo provare a diventare un cono stradale, un’automobile, una parabola e un distributore di lattine, saggiando le nuove potenzialità derivate dalla metamorfosi.

Ogni trasformazione ha un’abilità specifica che va usata per risolvere enigmi ambientali o come semplice arma per sconfiggere i nemici. L’auto può sfondare specifici muri, il cono può rompere il terreno o altri oggetti e così via. Nella demo l’uso di queste tecniche serve per scoprire segreti o per proseguire nel livello, lasciando presagire che questa funzione sarà essenziale per completare il titolo al 100%.

Sono purtroppo però ben definite le aree in cui una boccomorfosi può essere utilizzata (bloccando la progressione). Il rischio è che queste abilità possano essere fin troppo situazionali e non dei veri e propri nuovi modi di approcciare un ostacolo, come è accaduto per Super Mario Odyssey. Solo il titolo finale può dare una risposta al nostro dubbio.

Fortunatamente tutti questi stili di gameplay funzionano alla grande rendendo ogni livello una vera caccia al tesoro. Il nostro obiettivo è salvare i Waddle Dee rapiti che sono stati disseminati in giro per il livello. Mentre alcuni di questi saranno ben visibili altri saranno raggiungibili solo dopo aver raggiunto un particolare obiettivo. Questi spaziano dall’eliminare un boss al raccoglimento di un certo numero di oggetti fino ad arrivare all’esplorazione meticolosa dell’ambiente.

L’ultimo livello della demo è rappresentato da una boss fight contro un enorme gorilla. Sebbene anche qui la difficoltà non sia elevata, l’uso di abilità particolari come il ghiaccio possono fornire vantaggi speciali come il congelamento del nemico. Purtroppo è in queste situazioni un po’ più caotiche che il titolo scende ben sotto i 30fps risultando in un’esperienza tutt’altro che piacevole.

Una volta sconfitto il gorilla ci verrà presentato un nuovo trailer e la possibilità di rigiocare la demo con un set di abilità potenziato. Ci verranno inoltre forniti dei codici per ottenere oggetti esclusivi nel gioco completo. Che dire, una bella iniziativa che soprattutto premia coloro che completeranno al 100% i livelli!

Tra centinaia di monete, boss da sconfiggere ed obiettivi nascosti sembra che avremo di che giocare nel titolo finale. I dubbi più grossi rimangono sull’effettiva utilità della boccosfera e sul comparto tecnico un po’ troppo altalenante. Inoltre non è completamente chiaro chi sarà la nemesi principale questa volta… Quale orrore aspetta il tenero Kirby ed i suoi amici? Per sedare ogni dubbio non possiamo fare altro che attendere il titolo completo che uscirà il 25 marzo sulle nostre amate Switch quindi… appuntamento alla recensione!

Ci piace:

  • La direzione artistica
  • La struttura dei livelli
  • Le musiche


Non ci piace:

  • Il lato tecnico
  • Boccomorfosi forse troppo situazionale


Speranze:

  • Basse
  • Basse/Medie
  • Medie
  • Medie/Alte
  • Alte

Non dimenticate di passare dal canale Youtube di Nintendo Player dove abbiamo giocato tutta la demo!

Articoli Correlati