RECENSIONE: Dandara – Switch eShop

Realizzato dalla fantasia di Long Hat House, un platform alternativo, stile metroidvania, artisticamente affascinante. Ambientato in un mondo sull'orlo dell'oppressione del male, guideremo la guerriera Dandara in cerca della libertà del suo popolo. Andiamo a scoprirla nei dettagli.

Daklor92

Narrazione

Il mondo di Salt è sull'orlo del collasso. I cittadini, una volta spiriti liberi, sono ora oppressi e isolati. Ma non tutto è perduto, perché oltre i confini di questo regime di paura sta sorgendo un'eroina, un raggio di speranza. Il suo nome è Dandara.

Benvenuto a un gioco a piattaforme 2D unico, in stile metroidvania, pieno di creature mistiche ed esplorazione senza confini. Sfida la gravità mentre salti da pavimenti a pareti e a soffitti come se non ci fosse alcuna differenza. Scopri i misteri e i segreti nascosti in tutto il mondo di Salt e la vasta gamma di personaggi che lo popolano. Potenzia Dandara per combattere e sopravvivere contro nemici ostinati ad agire da oppressori.

Dandara si è risvegliata per portare libertà ed equilibrio in questo mondo senza direzione.

Attraverserete il mondo esoterico di Salt con una combinazione di salti veloci e fluidi tra superfici diverse, senza curarvi della gravità. Risolvere gli enigmi, guadagnare potenziamenti e accedere a aree in precedenza irraggiungibili. Inoltre, vivrete una storia narrata da piccole cut scene e dagli NPC che incontrerete lungo il gioco, che ripongono in Dandara la propria ancora di salvezza contro l'oppressione.

Dunque, queste sono le parole usate sull'eShop da Long Hat House, pubblisher del gioco, per descrivere Dandara, ma la trama nasconde molto di più vero di quanto possiate credere. Infatti, gli sviluppatori si sono ispirati alle vicende della guerriera brasiliana Dandara, che visse nel periodo del colonialismo.

La regina guerriera, combatté a fianco del suo popolo contro coloro che giunsero a rovinare quell'equilibrio perfetto che vi era tra il villaggio degli Quilombo e la natura. In cerca di terre e schiavi, gli olandesi rovinarono la vita degli Quilombo, Dandara si oppose all'oppressione coloniale per tutta la sua vita. Infine, mori buttandosi in un burrone, piuttosto che divenire schiava degli olandesi. Dandara fu simbolo della prima vera opposizione sud americana contro lo schiavismo.

Insomma, l'analogia con la storia narrata dagli sviluppatori, gli ambienti e la carnagione della protagonista rendono, chiaramente, omaggio alla guerriera brasiliana che combatté per la libertà della sua gente.

Gameplay

Dandara è un platform 2D particolarmente affascinante. Infatti, si distingue dalla massa, in quanto la protagonista non potrà muoversi normalmente. Dandara potrà soltanto saltare tra una piattaforma bianca all'altra in linee rette ignorando le leggi della gravità. Questa particolare meccanica, vi porterà a ragionare ogni singolo spostamento in funzione di ciò che vi circonderà.

L'interfaccia di gioco è elementare: principalmente in alto a sinistra avrete i punti ferita indicati con dei cuori, mentre in alto a destra troverete le suppliche del Salt raccolte, che potrete spendere per acquistare dei potenziamenti ed oggetti. Inoltre, vi verranno indicati, sempre in alto a destra, quante essenze di Salt avete a disposizione. Quest'ultime, premendo il tasto B, ripristineranno parte della vostra vita.

Comunque, i comandi sono semplici, ma vi richiederanno qualche minuto per essere metabolizzati. Dunque, per spostare Dandara, dovrete puntare con lo stick sinistro un punto di una piattaforma in cui vorremmo farla saltare premendo A, lei leviterà in quel punto. Invece, per colpire i bersagli, con il tasto X potrete infliggere un colpo unidirezionale a dove mirerete.

Infine, ogni volta che verrete sconfitti, ritornerete all'ultimo checkpoint ovvero l'Accampamento, ma perderete tutti gli oggetti raccolti. Tuttavia, se ritornerete nel luogo della vostra sconfitta, e recupererete lo spirito di Dandara, riotterrete tutto quanto. Quando vi troverete all'Accampamento potrete spendere le vostre suppliche di Salt.

Tecnica

Nonostante sia un indie game, Dandara è davvero molto bello e piacevole graficamente, una pixel art realizzata a mano, in cui gli sviluppatori non hanno mai perso la creatività nel creare NPC o scenari di gioco, stimolando il giocatore a proseguire l'esplorazione.

La colonna sonora è entusiasmante, originale e coinvolge il giocatore nell'ambiente di gioco. Inoltre, i suoni tra la musica e l'ambiente sono perfettamente equilibrati.

I controlli saranno difficili al primo approccio, ma una volta padroneggiati, Dandara vi toglierà molte soddisfazioni. Inoltre, l'HD Rumble è stato curato a fondo dai ragazzi di Long Hat House, infatti le sensazioni che rilasciano i Joy-Cons sono eccezionali, percepirete distintamente lo spostamento di Dandara o i colpi subiti. Il gioco supporta il touchscreen, ma i comandi non risultano precisi come con i Joy-Cons.

Infine, il gioco è godibile in ogni modalità della Nintendo Switch, in qualunque luogo sarete, Dandara potrà garantirvi un'ottima compagnia.

Conclusione

Dandara è un platform 2D unico ed eccezionale. Insomma, il gioco ha una trama davvero significativa. Morirete spesso, ma ogni morte vi renderà più esperti e cauti spingendovi ad essere più meticolosi. Inoltre, il gameplay di Dandara è davvero singolare rispetto ai normali platform, e dopo un po' di pratica lo impersonerete alla perfezione.

La colonna sonora è coinvolgente, garantendo un'ottima melodia esotica che vi accompagnerà lungo il cammino della guerriera. La pixel art creata a mano dai ragazzi di Long Hat House è ben curata e rende il mondo di Salt magico ed affascinante. Infine, la longevità del gioco è garantita dagli svariati percorsi che potrete intraprendere in cerca di tesori.

Il gioco è presente solo sull'eShop di Nintendo Switch all'ottimo prezzo di 14,99€ e occuperà ben 600 Mb. Inoltre, la traduzione del gioco in italiano è ben realizzata.

Dunque, è quindi arrivato il momento dei nostri Pro  e Contro .

 

 

 

  • Pixel art fantastica
  • Unicità dei comandi
  • Boss impegnativi e graficamente unici
  • Trama interessante
  • Colonna sonora

  • Touch screen poco ottimizzato su Switch
  • La particolarità dei comandi lo rende un gioco di nicchia

Commenti da Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento