Harvestella – Recesione

da | 24/11/22 19:02

Il noto publisher videoludico torna alla carica confezionando una nuova produzione: stiamo parlando di Harvestella. Ecco a voi la nostra recensione.

Il 2022 sta volgendo al termine, e ci sono molte compagnie nell’ambito videoludico che continuano incessantemente a rilasciare differenti esperienze, che sappiano coinvolgere tutti i tipi di giocatori sparsi nel mondo. Dal canto suo, Square Enix quest’anno ha dimostrato, come del resto anche nei scorsi anni, quanto tiene alla base installata di Nintendo Switch. Infatti, solo quest’anno sono stati pubblicati titoli del calibro di Triangle Strategy (inizialmente in esclusiva temporale per poi sbarcare recentemente su PC), Chocobo GP, NieR Automata e The DioField Chronicles, un’esperienza differente ma che ha riscosso un discreto successo. Come potete costatare, Square Enix oltre a queste produzioni vanta un notevole parco titoli già disponibili che include alcuni dei capitoli leggendari del noto franchise di Final Fantasy, oltre alla presenza di tutta la collezione completa dei titoli di Kingdom Hearts (sebbene in Cloud Version). In questo caso, a sorpresa la compagnia ha annunciato nei mesi scorsi l’arrivo in esclusiva console di una nuova avventura intitolata Harvestella. Dietro questo enigmatico progetto ci sono artisti divenuti celebri nella sfera mondiale del gaming come Isamu Kamikokuryo che ha curato una concept art del titolo e Go Shiina, personaggio reso famoso per la serie Tales. Ma bando alle chiacchiere, e andiamo ad analizzare nel dettaglio Harvestella, titolo disponibile dal 4 novembre 2022 sia in edizione fisica che in formato digitale su Nintendo Switch.

Una narrativa particolare ma allo stesso tempo avvincente

L’inizio di questa avventura bisogna ammettere che è molto lento, una scelta fatta dagli sviluppatori per presentare al meglio determinati personaggi che andrete a conoscere con l’avanzare della narrativa. Dopo aver “creato” il vostro personaggio con un editor molto limitato in termini di opzioni, verrete catapultati immediatamente nel mondo di gioco, dove vi sveglierete senza memoria, in un misterioso villaggio a voi sconosciuto. Da quel momento, grazie anche alla conoscenza di misteriosi personaggi conosceremo meglio questo mondo dove si sta imbattendo un terribile circolo mortale che non risparmia nessuno. L’esistenza del Quietus, una sorta di “Stagione tra le stagioni” obbliga i poveri abitanti a chiudersi in casa in determinate ore della giornata. La cosa positiva, è che questa “sciagura” dura solamente un giorno, anche se a detta di molti abitanti sembra stia peggiorando sempre di più. Un incipit narrativo molto enigmatico, che svela le sue carte poco alla volta. Gli abitanti, guardinghi con le persone che arrivano da fuori dal villaggio, pensano addirittura che questo “male” possa essere colpa degli “Omen”, strani individui venuti da un mondo lontano. Alcuni istanti più tardi, si scoprirà salvando una giovane ragazza in maniera fortuita che sono individui venuti dal futuro. Queste sono solo le premesse di questa emozionante storia, dove noi dovremo fare di tutti per salvare questo mondo da questo terribile malanno prima che sia troppo tardi.

Un gameplay diviso in diverse fasi 

Harvestella si presenta come un titolo con due anime: la prima rivolta ad un “Simulatore di Fattoria” e la seconda improntata sul JRPG di stampo action. Queste due modalità distinte si fondono perfettamente tra di loro e confezionano un’esperienza divertente e galvanizzante. Ogni nostro passo nel corso di questa avventura costerà fatica e sarà fondamentale recuperare energia mangiando saltuariamente. Proprio in questo caso sarà necessario coltivare nel proprio spazio di terreno situato vicino la nostra dimora, con terra in abbondanza da arare dove andrete a seminare differenti ortaggi. La vendita del raccolto fungerà come una delle caratteristiche cardine del gameplay, come del resto anche la ricerca di pesce, legname e tanto altro ancora dove non mancherà anche la creazione di piatti in cucina. L’altra componente molto importante di questa esperienza è senz’altro la presenza di un combat system action, in cui voi dovrete avventurarvi in combattimenti in tempo reale contro svariati nemici. I dungeon sono stati realizzati con un buon grado di varietà ma allo stesso tempo attingono a piene mani da diversi titoli JRPG con una struttura di questo genere. Mi raccomando, prestate particolare attenzione anche in questi casi al vostro stato perché se sarete esausti dovrete assolutamente andare a dormire per riprendere le vostre forze visto che sarà quasi impossibile completare un dungeon in un solo giorno di gioco. Il team di sviluppo ha voluto confezionare inoltre un sistema di Job e abilità per darvi modo di differenziare come meglio crediate la vostra build e che sappia fronteggiare al meglio ogni tipo di combattimento. Tante interessanti implementazioni che ampliano non di poco la platea di giocatori al quale è pensata questa produzione.

Un comparto tecnico non straordinario

Per quanto concerne invece la sfera puramente prestazionale di Harvestella su Nintendo Switch possiamo ritenerci abbastanza soddisfatti. Certo, non vi troverete un’esperienza che può vantare texture in alta definizione però sia in modalità portatile che in docked il titolo mostra i suoi punti di forza, come la realizzazione dei personaggi e delle varie location presenti in game. Il titolo mantiene i 30fps in quasi tutte le circostanze, con alcuni svariati cali solo contro determinati nemici. Questa produzione come molte altre non include i sottotitoli in italiano, quindi valutate l’acquisto solo se siete abbastanza avvezzi alla lingua inglese. Sul versante della longevità il gioco si assesta su un buon numero di ore, che si amplia ulteriormente se vorrete approcciare questa epopea con un atteggiamento da completista. Il team di sviluppo oltre ad aver mappato al meglio sia i Joy-Con che il Nintendo Switch Pro Controller ha svolto un notevole lavoro per quanto riguardano in game eventuali bug. Infatti, noi in fase di recensione non abbiamo constatato nessun problema tolto un lieve lentezza nei caricamenti. Infine il lato sonoro è promosso a pieni voti, con differenti tracce che si amalgamo perfettamente con lo stile di questa avventura.  

Un’avventura aperta a tutti

Harvestella è una produzione che non si pone limiti, pensata per abbracciare ogni tipo di giocatore, anche quelli che non propriamente vicini ad esperienze di questo genere. La storia è avvincente, e tutto l’impianto di gioco attorno ad essa è realizzato molto bene. Il nostro consiglio, se vi convince lo stile grafico e narrativo di questa opera è di lasciarvi catturare da questo magico mondo.

Harvestella  è disponibile dal 4 novembre 2022 sia in edizione fisica che in versione digitale scaricabile dal Nintendo Switch eShop al prezzo di € 59,99 per 9690,00 MB di spazio complessivi. Il gioco è localizzato in Inglese, Tedesco, Francese, Spagnolo, Giapponese ed è compatibile con il cloud dei dati di salvataggio e Nintendo Switch Pro Controller.

PRO

  • Un’avventura narrativamente galvanizzante
  • Ottima realizzazione dei personaggi
  • Tanti contenuti che ampliano la longevità del titolo

CONTRO

  • Graficamente può risultare un pò deficitario

Articoli Correlati

Serial Cleaners – Recensione

Serial Cleaners – Recensione

Siete a pronti a ripulire le peggiori scene del crimine in modo Pulp? Ecco a voi la recensione di Serial Cleaners su Nintendo Switch. Serial...