Grand Mountain Adventure: Wonderlands – Recensione

da | 15/03/22 13:00

Anche se l’inverno sta finendo la stagione sciistica è appena iniziata in Grand Mountain Adventure: Wonderlands! Scopriamola insieme.

Se amate sciare ed i videogiochi conoscete sicuramente alcune dei grandi titoli facenti parte questo genere. Da Coolboarders fino ad arrivare a SSX e Steep questo genere ha da sempre avuto la sua nicchia di appassionati in cerca di adrenalina o di una semplice gita in montagna. Su Nintendo Switch purtroppo non è molto facile recuperare titoli di questo genere in quanto poco rappresentato dal catalogo odierno.

Finora il miglior modo per mettere lo snowboard ai piedi e fare qualche discesa è rappresentato principalmente da titoli mobile riadattati per Switch. Nonostante questo possa essere sufficiente per molti, è ben lontano dall’essere la soluzione ideale. Fortunatamente Microids e i ragazzi di Toppluva AB hanno deciso di portare sulla console Nintendo il loro ultimo lavoro: vediamo insieme se la discesa di Grand Mountain Adventure: Wonderlands è una scarica di adrenalina oppure un gigantesco tonfo.

Il primo impatto con il titolo purtroppo non è dei migliori. I menu non sono ben pensati per essere fruiti con il controller e sono caotici. Con un po’ di abitudine e pazienza saremo in grado di navigarli in men che non si dica ma è chiaro che parliamo di un altro titolo per smartphone convertito per Nintendo Switch.

Pad alla mano e sci ai piedi fortunatamente le cose migliorano drasticamente. Il titolo si presenta come un piccolo open world sciistico dove potremo liberamente esplorare varie montagne in cerca di sfide ed extra da scoprire. Possiamo scegliere se usare sci o snowboard ed addirittura che tipo di essi (se da gara o da trick). La prospettiva è dall’alto, il cui zoom è gestibile tramite un menu apposito mentre la telecamera è quasi completamente automatica.

Questa visuale “a volo d’uccello” inizialmente potrebbe risultare un po’ spiazzante considerando il genere. Risulta spesso difficile renderci conto della posizione del nostro personaggio o di dove andare per raggiungere certe zone. Fortunatamente un sistema di aiuti non molto intrusivo e speciali strumenti come il telescopio mitigano questo problema ma non lo risolvono in toto.

La telecamera così posizionata, semplicemente, non è adatta al 100% ad un titolo del genere. Con uno zoom troppo largo faremo fatica a visualizzare il nostro personaggio, con uno invece troppo vicino non avremo una chiara lettura del paesaggio. Inoltre i movimenti di camera per mantenerci al centro dell’azione sono repentini e mal gestiti in prossimità di curve o strapiombi. Alberi ed altri impedimenti possono anche bloccare la visuale ed una errata gestione delle ombre può darci qualche problema a giudicare le altezze.

Non sono tutti lati negativi fortunatamente: giocare a Grand Mountain Adventure: Wonderlands ha comunque un suo fascino e un suo perché. L’impostazione open world ci permette di esplorare in modo estremamente organico e non forzato, gli unici paletti sono rappresentati di seggiovie e skilift. Questi possono essere sbloccati con un numero sufficiente di skipass, ottenibili tramite le sfide o trovandoli nel mondo di gioco.

Ogni missione ha un suo livello di difficoltà ma raggiungere almeno l’argento non è mai un’impresa impossibile. Possiamo anche riprenderci da un salto rovinoso con la semplice pressione di un tasto, che ci permetterà di “riavvolgere” l’azione. Presente anche un rudimentale sistema di trick, gestibile tramite i due analogici.

La varietà di missioni non è grandissima ma ogni montagna ha tantissime cose da fare. L’esplorazione “fuori pista” è il modo migliore di sbloccare contenuti ed è anche particolarmente divertente dato che il mondo risulta molto “vivo”. Ci sono tanti PNG con cui collidere (o prendere a pugni) e animali selvatici, nonché tante occasioni per “grindare” e lanciarsi in trick spettacolari.

Nonostante l’adrenalina sia parte importante dell’esperienza, il gioco può essere approcciato in modo molto più “zen” grazie ad una modalità che rimuove personaggi, oggetti ed animali, lasciando solo il giocatore e la tranquillità di una discesa in solitario. È facile pensare a questo Grand Mountain Adventure: Wonderlands come titolo “defaticante” tra release di maggior impatto o dalla difficoltà più elevata. L’approccio all’open world dei ragazzi di Toppluva AB richiede poco impegno per essere apprezzato e questo risulta in partite rilassanti ma appaganti.

C’è anche la possibilità di giocare assieme a ben 3 amici, esplorando la montagna in modalità co-op condividendo lo schermo. Purtroppo non è possibile collezionare extra o fare sfide in multiplayer. I controlli sono estremamente semplici, tanto che il titolo è giocabile con un singolo Joy-con. In portatile il titolo dà il meglio di sé in quanto l’approccio “mordi e fuggi” risulta molto adatto alla fruizione veloce. Non è possibile usare i menu con il touch screen e non sono supportati i giroscopi di Joy-con o Pro Controller.

Tecnicamente non ci troviamo di fronte ad una produzione particolarmente prestigiosa ma ad un titolo graficamente solido. Passando dalla modalità a 30fps a quella a 60fps non si notano downgrade grafici particolari, complice anche la prospettiva “a volo d’uccello”. Il livello di dettaglio è comunque adeguato alla produzione e stilisticamente il titolo presenta un forme semplici ma ben riconoscibili. Il frame rate è solido sulla modalità scelta e scende solo nelle scene con più dettagli, anche se solo di pochi frame. Musiche ed effetti sonori sono senza infamia e senza lode, ma contribuiscono all’atmosfera “rilassante” del titolo.

Grand Mountain Adventure: Wonderlands non è la scarica di adrenalina che ci aspettavamo ma bensì un’esperienza più zen e tranquilla. L’esplorazione è la chiave e le tante sfide proposte vi faranno venire voglia di indossare gli sci (o lo snowboard) spesso. I difetti ci sono, e sono anche abbastanza gravi, uno su tutti la telecamera ma anche, inspiegabilmente, il prezzo di lancio: €34,99 per questo indie sono tanti soldi e, nonostante la buona qualità dello stesso, ingiustificati sia per il publisher che per i contenuti proposti. Fosse stata una release fisica non avremmo fatto questo appunto ma per un titolo solo digitale e di uno sviluppatore emergente ci sembra un prezzo fuori mercato.

La scelta se andare a passare il tempo tra release più impegnative nello chalet di Toppluva AB è vostra, noi ci siamo stati e torneremo a farci visita.

Grand Mountain Adventure: Wonderlands è disponibile in versione digitale scaricabile dal Nintendo Switch eShop al prezzo di € 34,99 dal 10 marzo 2022 per 1125MB di spazio su console o microSD. Il titolo è localizzato in tedesco, inglese, spagnolo, francese, italiano, giapponese, cinese ed è compatibile con Cloud dei dati di salvataggio e Pro Controller.

PRO

  • Gameplay rilassante e ben calibrato
  • Tante cose da fare
  • Tecnicamente solido

CONTRO

  • Telecamera pessima
  • Prezzo stranamente alto
  • Menu confusionari e mal gestiti

Articoli Correlati

Xenoblade Chronicles 3 – Recensione

Xenoblade Chronicles 3 – Recensione

Il terzo capitolo di Xenoblade finalmente sbarca su Nintendo Switch con una nuova imperdibile avventura. Ecco a voi la nostra recensione. Nel corso...