F.I.S.T.: Forged in Shadow Torch – Recensione

da | 20/09/22 18:00

Scopriamo questo titolo metrodivania con protagonisti animali antropomorfi, ecco a voi la recensione di F.I.S.T.: Forged in Shadow Torch.

F.I.S.T.: Forged in Shadow Torch é il classico titolo a scorrimento orizzontale, ispirato in particolar a modo ad una perla di casa Nintendo, ovvero Metroid. Il titolo é molto originale nel suo genere, e riesce a dare la giusta importanza sia alla parte di combattimento sia all’esplorazione della mappa. Il mondo steampunk creato dagli sviluppatori fa da scenario ad una storia con protagonista il nostro coniglio antropomorfo. Il quale, insieme al suo gruppo di amici, é perseguitato constantemente da un gruppo terrorista che controlla la loro regione.

Un rapimento…l’inizio di tutto

La storia inizia con il rapimento di uno dei nostri fidati amici, che fará nuovamente vestire i panni del “soldato” al nostro protagonista, che deve partire alla sua ricerca. Questo avvenimento, nonostante sia l’inizio piú classico di tutte le storie, sará un ottimo pretesto per poter esplorare la mappa di gioco. Proprio sulla mappa e sulle ambientazione c’é da soffermarsi visto che sono il punto forte del titolo. Per proseguire a volte saranno richiesti alcuni power-up che il nostro protagonista dovrá recuperare in giro per i luoghi della cittá. Alcuni degli oggetti che troveremo sparsi per le ambientazioni, potranno aiutarci a raggiungere posti in cui si nascondono forzieri o chiavi che aprono questi ultimi. Durante la nostra avventura, impareremo varie abilitá che ci torneranno utili durante il gioco, come ad esempio il salto lungo una parete, mentre ci aggrappiamo ad essa, oppure il doppio salto.

Meglio un braccio meccanico che due pugni.

In F.I.S.T.: Forged in Shadow Torch il nostro eroe affonta molti nemici, per poterli sconfiggere si aiuta con una specie di braccio meccanico, nel gioco viene chiamato “Fist“, il quale assume varie forme. Infatti, oltre al classico pugno durante il gioco sbloccheremo altre funzionalitá, come ad esempio una trivella gigante. Tutte queste abilitá ci aiuteranno a sbloccare porte o a raggiungere posti che magari la prima volta che ci passeremo non potranno essere visitati. Questa cosa, ci fará tornare in luoghi che magari avevamo visitato parecchio tempo prima. La scoperta graduale della mappa sará sempre legata agli avvenimenti che il nostro eroe dovrá affrontare. In gioco, la sensazione che si ha é quella del classico gioco in stile metrodivania, senza peró ricadere in momenti ripetitivi di esplorazione.

Combattimenti veloci e frenetici

Rispetto ad altri titoli la parte legata ai combattimenti non presenta particolari novitá. Esiste un giusto mix tra momenti in cui si combatte e momenti in cui c’é magari da fare un pó di platforming. I nemici saranno ben sparsi per tutta la mappa e in alcuni casi verremmo messi alla prova da una o piú ondate di nemici. Di tanto in tanto, sono presenti alcuni mid boss che ci terranno parecchio occupati, anche se una volta capito il pattern sará facile eliminarli. I boss non sono particolarmente difficili da far fuori una volta capiti i movimenti, peró puó capitare che alcuni di questi siano un pó piú impegnativi da affrontare. A nostra disposizione, come detto prima, avremo il nostro braccio multifunzione che puó eseguire moltissime combo sbloccabili in particolari punti della mappa, utilizzando la moneta di gioco. Inoltre, si possono eseguire le prese sui nemici scaraventandoli lontano e una volta inflitti un numero sostanzioso di danni si puó eseguire una specie di “fatality“.

Ottima l’idea, peccato per l’hardware

Per concludere F.I.S.T.: Forged in Shadow Torch era originariamente un’esclusiva PS5, visto il suo carico di effetti particellari, rifrazione di luce e fluidità di alto livello. Su Nintendo Switch come al solito é stato eseguito uno di quei porting impossibili, che peró grazie a una struttura solida e articolata rende il titolo apprezzabile. Purtroppo, alcune pecche del gioco sono legate in particolar modo all’hardware della console, la quale non permette dei caricamenti rapidi e non fa apprezzare al meglio il lavoro svolto sui personaggi. Il punto forte a livello grafico riguarda soprattutto le ambientazioni e gli sfondi realizzati in modo impeccabile e in pieno stile steampunk. Sicuramente é un ottimo metrodivania da provare e che non annoia mai grazie alla sua mappa tutta da esplorare. Peccato, per la mancata localizzazione in italiano.

F.I.S.T.: Forged in Shadow Torch è disponibile dal 12 luglio 2022 sia in edizione fisica che in versione digitale scaricabile dal Nintendo Switch eShop al prezzo di € 29,99 per 5510,00 MB di spazio complessivi. Il gioco è localizzato in Tedesco, Inglese, Spagnolo, Francese, Portoghese, Russo, Cinese ed è compatibile con il cloud dei dati di salvataggio e Nintendo Switch Pro Controller.

PRO

  • Mappa molto grande
  • Molti equipaggiamenti e abilitá da sbloccare
  • Ottima avventura da provare assolutamente

CONTRO

  • Tempi di caricamento lunghi
  • Qualche calo di frame ogni tanto

Info Utili:

Articoli Correlati

XIII – Recensione

XIII – Recensione

Il nostro agente speciale accusato di aver ucciso il presidente torna in questo rinnovato remake di XIII, ecco a voi la nostra recensione. Ritorna...

The DioField Chronicle – Recensione

The DioField Chronicle – Recensione

Un'altra grandissima produzione sbarca su Nintendo Switch: ecco a voi The DioField Chronicle, un'avventura imperdibile. Il 2022 di Nintendo continua...

Pac-Man World Re-Pac – Recensione

Pac-Man World Re-Pac – Recensione

La leggendaria mascotte Namco è tornata! Scopriamo insieme se Pac-Man World Re-Pac è una semplice operazione nostalgia o se c’è qualcosa di più!...