Bandle Tale: A League of Legends Story – Recensione

da | 25/02/24 10:14

Ecco a voi la nostra recensione di Bandle Tale: A League of Legends Story, l’ultimo titolo uscito di Riot Forge.

Tutti noi conosciamo la Riot per il suo titolo di punta League of Legends, ma questa volta l’azienda videoludica statunitense ha deciso di puntare su un gioco decisamente piú rilassante. Si tratta di uno di quelli alla Animal Crossing, in cui bisogna svolgere molteplici attività. I protagonisti di questo mondo sono gli yordle, creature che per chi ha giocato ai titoli Riot conoscerà sicuramente. Questa razza ama fare festa dal mattino alla sera, cosa che noteremo andando avanti nel gioco. Infatti, ci ritroveremo spesso ad organizzare party per rallegrare gli abitanti di una determinata isola.

Un titolo adatto ad ogni etá!

Bandle Tale: A League of Legends Story come detto in precedenza riprende moltissimi elementi da titoli come Animal Crossing, Stardew Valley e molti altri. Come in ognuno di questi titoli il tema principale é quello di creare oggetti, raccogliere risorse e soddisfare le richieste dei personaggi che incontreremo. Peró rispetto ad altri giochi in questo é presente anche una trama, elemento che permette ai giocatori non solo di soddisfare le richieste dei personaggi ma anche di svolgere missioni utili ad avanzare nella storia. Altro elemento che contraddistingue questo gioco dagli altri é il fatto che le nostre attivitá non sono legate al ciclo giorno/notte.

Aumentiamo le nostre abilitá grazie alle…emozioni

Durante la nostra convivenza a Bandle City dovremo quindi soddisfare le maggior parte delle richieste degli altri yordle. Per soddisfare queste richieste il piú delle volte dovremo creare o raccogliere oggetti. Azioni come la raccolta o il crafting ci aiuteranno a riempire le nostre sfere di emozioni, le quali si trasformeranno in punti abilitá quando andremo a dormire. Non potremo peró eseguire la stessa azione piú volte, perché questa dopo un pó non ci fará piú guadagnare gli stessi punti, questa cosa obbliga a cambiare dunque ogni volta azione. I punti abilitá possono essere spesi per acquistare nuovi talenti e oggetti da creare. Il nostro albero delle abilitá é diviso in tre categorie: Natura, Ingegneria e Lavoro a maglia. Completare le missioni ci permette di acquisire distintivi che danno accesso a nuove competenze, in questo gioco si avanzerà dunque a suon di creazione e non di combattimenti. Rispetto ad altri titoli peró non é sempre facile ricordarsi quale tavolo da lavoro bisogna usare per realizzare un determinato oggetto, ma bisogna dire che la guida all’interno del gioco ci aiuta parecchio.

Una grafica piacevole e rilassante

La grafica del gioco é completamente creata attraverso la pixel art, le ambientazioni, i personaggi e tutto il contesto é realizzato in modo impeccabile. Girovgare per la mappa é sempre bello, tanto é vero che ogni tanto ci sono dei punti in cui é possibile fermarsi ad ammirare un panorama in particolare. Tutti i personaggi sono animati molto bene e le musiche di sottofondo lo rendono un titolo particolarmente rilassante. Il titolo di Lazy Bear Games e Riot é un ottimo spin-off di quelli che fa piacere giocare distaccandosi dal ben piú famoso titolo ma rimanendo comunque nello stesso ambiente. Forse dopo alcune di ore la ripetitivitá delle azioni potrebbe stancare un pó ma nonostante questo é comunque piacevole giocarci molte ore.

In conclusione, Bandle Tale: A League of Legends Story lo potremo catalogare come un “cozy games” ovvero quei titoli da giocare in totale relax senza pensieri. I punti di forza sono sicuramente la semplicitá e l’aspetto grafico che é veramente un piacere per gli occhi. Non vi aspettate peró un titolo tanto complicato o complesso visto che si tratta di un titolo adatto veramente a tutti.

Bandle Tale: A League of Legends Story è disponibile dal 21 febbraio 2024 in versione digitale scaricabile dal Nintendo Switch eShop al prezzo di 24,99 € per 1957,00 MB di spazio complessivi. Il gioco è localizzato in Giapponese, Inglese, Spagnolo, Francese, Tedesco, Italiano, Portoghese, Russo, Coreano, Cinese e ed è compatibile con il cloud dei dati di salvataggio e Nintendo Switch Pro Controller.

PRO

  • Spin-off perfetto per gli amanti di League of Legends
  • Ottima Pixel Art
  • Sistema di abilità ben strutturato

CONTRO

  • Alla lunga ripetitivo
Condividi su

Articoli Correlati

OTXO – Recensione

OTXO – Recensione

Una nuova fantastica produzione sbarca su Nintendo Switch: stiamo parlando di Otxo. Ecco a voi la nostra imperdibile recensione. Il 2024 di Nintendo...