Assassin’s Creed: The Ezio Collection – Recensione

da | 11/03/22 12:00

Le vicende di Ezio Auditore da Firenze arrivano su Nintendo Switch grazie ad una collection che racchiude i tre titoli ambientati in Italia.

Iniziamo con una piccolissima premessa, anche perché è abbastanza inutile stare a spiegare cosa sia Assassin’s Creed. Nato nel 2007 da un’idea di Patrice Désilets, il titolo è una sorta di seguito spirituale di Prince of Persia, un gioco in terza persona di azione e avventura con elementi tratti dal parkur. L’intera serie è ambientata in vari periodi storici ed incentrata sulla interminabile battaglia tra l’Ordine Templare, che ha come obiettivo il controllo totale della razza umana, e la Confraternita degli Assassini, misteriosi eroi incappucciati con l’unico scopo di eliminare i tiranni (servirebbe anche ora, visto quello che stiamo vivendo, un Assassino della Confraternita..).

Il pacchetto che abbiamo tra le mani oggi è Assassin’s Creed: The Ezio Collection, ovvero una collezione di tre giochi in cui si narrano le vicende di Ezio Auditore da Firenze. La collection include il primo e indimenticabile Assassin’s Creed II, poi Assassin’s Creed Brotherhood e infine Assassin’s Creed Revelations. Ma i contenuti al suo interno di certo non finiscono qui, ogni gioco ha infatti le sue espansione e i suoi rispettivi cortometraggi (come Assassin’s Creed Embers e Assassin’s Creed Lineage). Sicuramente un bel bonus anche per gli amanti dei live action.

Desmond Miles, personaggio giocabile nel presente che, grazie ad una macchina chiamata Animus, riesce ad accedere e a rivivere in prima persona i ricordi dei propri antenati

La Assassin’s Creed: The Ezio Collection arriva su Nintendo Switch sei anni dopo il suo debutto su console e PC e vede questi tre capitoli della saga rimasterizzati graficamente per quanto riguarda texture e illuminazione e ne è stata aumentata la risoluzione e, infine, stabilizzati i frame al secondo.

Vestiremo i panni di Ezio Auditore da Firenze, senza alcun dubbio l’assassino più famoso dell’intero franchise, e visiteremo innumerevoli località italiane partendo dalla Toscana (con Firenze, Monteriggioni e San Gimignano) per finire in Lazio (Roma e Vaticano), in Emilia (Forlì) e in Veneto (Venezia). Le ambientazioni e i paesaggi caratteristici presenti in questa trilogia sono davvero ben realizzati così come i luoghi simbolo del nostro Bel Paese (come i palazzi storici di Firenze o i ponti di Venezia). L’epoca rinascimentale italiana e alcuni miglioramenti al gameplay di gioco (come una maggiore libertà nel praticare parkur e una migliore gestione delle folle e delle meccaniche stealth) hanno fatto si che Assassin’s Creed II diventasse uno dei titoli più amati in assoluto da critica e pubblico.

Come abbiamo già detto, la Assassin’s Creed: The Ezio Collection fa un’ottima figura su Nintendo Switch. La risoluzione è fissa a 1080p in modalità TV mentre in portatile scende a 720p, quindi è la massima possibile in entrambe le modalità di gioco. Mentre i frame per secondo sono stabili a 30 in tutte le sue modalità. La portabilità dei titoli è sicuramente un valore aggiunto alla completezza degli stessi, così come la compatibilità con rumble HD e touch-screen in modalità portatile.

Ezio Auditore che si appresta ad effettuare il Salto della fede dal Campanile di Giotto di Firenze

Non c’è altro da dire. Questa trilogia vi farà vivere le vicende del più celebre e memorabile maestro degli assassini, questa trilogia vi farà visitare l’Italia in tutta la sua bellezza e vi farà conoscere personaggi del calibro di Leonardo Da Vinci, Niccolò Macchiavelli, Caterina Sforza, Lorenzo de Medici e tanti, tantissimi altri. Questa imperdibile Assassin’s Creed: The Ezio Collection è arrivata con troppo ritardo su console Nintendo ma sicuramente è arrivata su quella giusta.

La Assassin’s Creed: The Ezio Collection è disponibile in digitale su Nintendo Switch eShop dal 17 febbraio 2022 ad un prezzo di € 49.99. Per scaricare la collection sarà necessario di 7.4 GB di spazio iniziale (visto che inizialmente scaricherà soltanto Assassin’s Creed II) che poi si andranno a sommare i quasi 14 GB per scaricare Assassin’s Creed Brotherhood, Assassin’s Creed Revelations e i relativi DLC. Troverete su eShop anche un pacchetto dedicato al doppiaggio originale che vi costerà altri 3 GB di spazio. Infine la collection (disponibile recentemente anche in versione fisica) è compatibile con il Cloud dei dati di salvataggio, il Pro Controller, il rumble HD e il touch-screen. Lingua italiana presente (testo e audio).

Pro:

  • Ambientazione
  • Periodo storico azzeccato
  • Tantissimi personaggi
  • Missioni principali e secondarie a non finire

Contro:

  • La visualizzazione della mappa completa è un po’ macchinosa

Link utili:

Articoli Correlati

Wreckfest – Recensione

Wreckfest – Recensione

Era il 2018 quando i mitici Bugbear Entertainment rilasciavano “il prossimo gioco di auto” su PC, ecco che quattro anni dopo Wreckfest arriva anche...